Skip to main content
x

Caves of Pietrasecca Nature Reserve - Carsoli (AQ)

The Natural Reserve of the Caves of Pietrasecca is the first case in Italy of the Special Reserve, established in 1992 specifically to protect the karst phenomena in it. With an area of about 110 hectares, it is located in the area of the Monti Carseolani and in the neighboring ones, in the municipality of Carsoli (AQ). The pride of the Reserve is the karst cave of the Cervo, which can be visited by appointment with the caving guide, and the Grotta dell'Ovito natural sinkhole. The vegetation in the Reserve is closely related to the type of rock and the morphology: on the limestones the vegetation is essentially represented by woods with oak and odorous broom; on the clayey-arenaceous substrates the mesophilous woods of Turkey oak, broom and common bramble predominate. 
Since 2009, the Reserve has opened its doors to tourism with the organization of guided tours along the equipped geological path and in the Grotta del Cervo, and to schools, with projects and environmental education activities. The visit is strongly adventurous and suggestive, takes place in the Grotto in its natural state, with a caving guide.
Inside the Grotto, in order to limit the impact of man, it was decided not to introduce permanent artificial lights and tourist walkways.
The great cave of the Cervo, discovered in 1984, has undergone enthusiasm and curiosity for its extraordinary beauty. The entrance leads into a large gallery about 400 meters long, characterized by the presence of extraordinary white concretions of various shapes and structures. It owes its importance to the discovery in its interior of the bones of a deer of notable paleontological interest and of Roman coins of the IV-V century AD and of the XV century. Perhaps due to floods or an earthquake in 1456, the opening had to become obstructed and came to light in 1984 following a study and research on the spot by the Roman Speleological Group.
The "Grotta dell'Ovito" is a natural inghiottitoio that collects the waters of the basin of the same name to return them after 1300 m away in the so-called resurgence of the Vena Cionca in Pietrasecca. The entrance, from the characteristic wide and double portal, leads into a large gallery. The route is characterized by an evocative series of narrow small lakes, separated by short rapids, and by some branches that introduce environments with stalactites and stalagmites. Immediately after the fascinating canyon begins with a succession of rapids, ponds and waterfalls. After a water jump of 8 meters you reach the vast lake below.
For more information:
https://www.grottedipietrasecca.it/
http://www.comune.carsoli.aq.it
Facebook

 

 

Via del Popolo - Pietrasecca (AQ)
https://www.grottedipietrasecca.it/

0863 9081 - 320 1715968

42.1367409, 13.1276883

Proposte di Viaggio, Itinerari & Idee

Che decidiate di trascorrere nella nostra regione solo un weekend o un'intera vacanza, troverete qui spunti e suggestioni sui luoghi, le attività, i borghi e i percorsi più affascinanti per scoprire l'Abruzzo più autentico!

In evidenza

Curiosità, suggerimenti, racconti di viaggio: informazioni e notizie per cominciare a conoscere l'Abruzzo e le tante esperienze da vivere nella nostra meravigliosa regione.

Le pagliare di Tione
24 May 19

Ai piedi del Monte Sirente sorge, su un altopiano, a poco più di mille metri di altezza, l’agglomerato agropastorale denominato "pagliare", villaggio d'alta quota appartenente al borgo medievale di

LEGGI TUTTO
Ferrovia dei Parchi
27 Oct 18

La linea ferroviaria Sulmona - Carpinone (che unisce anche Pescara a Napoli) attraversa luoghi di grande bellezza paesaggistica e di forte attrazione.

LEGGI TUTTO
Autunno Abruzzo
20 Sep 18

Il momento più tranquillo per godersi la splendida natura in Abruzzo è proprio l’Autunno, la stagione più affascinante in cui le foreste si colorano di toni che vanno dal giallo all'arancio, dal ro

LEGGI TUTTO

Scopri tutte le destinazioni

A tu per tu con l’orso e il cervo

L'itinerario ha inizio dallo splendido borgo di Villavallelonga a 1005 metri d'altezza, nel cuore del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise. Da piazza largo Fontana, nei pressi del municipio, ci si tiene a destra per imboccare via Canale in direzione sud; dopo 100 metri, si gira a destra e si raggiunge l’ingresso del Museo dell'Orso che merita senz’altro una visita.

Coccolati dalla biodiversità

Il percorso si snoda all’interno della Riserva Naturale Regionale “Lago di Penne”.

Sci di fondo al Bosco Sant'Antonio

La Riserva Regionale Bosco Sant'Antonio di Pescocostanzo, tra i più bei posti per lo sci di fondo nella regione.

Dal Passo San Leonardo al Lago della Madonna

Passo San Leonardo (m.1283) si può raggiungere sia dall'autostrada Pescara-Roma, uscita Scafa, seguendo le indicazioni per S.Valentino-Caramanico-S.Eufemia, sia da Sulmona passando per Pacentro, oppure da Campo di Giove.

Il sentiero del Grifone

Il Sentiero del Grifone si sviluppa su carrarecce e sentieri pedemontani stanti il versante sud del massiccio Velino-Serra in una cornice naturalistica e archeologica di alto pregio. Il percorso è attrezzato e segnalato nei comuni di Scurcola Marsicana, Magliano dei Marsi e Celano. Esso prende il nome dall’avvoltoio qui introdotto con successo negli anni ‘90 dal Corpo Forestale dello Stato.

Il sentiero Frassati sul Voltigno

La Piana del Voltigno è un incantevole altopiano di origine carsica sito nella parte orientale del Gran Sasso. La vallata fa parte del Parco Nazionale del Gran Sasso e  Monti della Laga e costituisce, dal 1989, insieme alla Valle D’Angri, la Riserva regionale “Voltigno e Valle D’Angri”.

Nella Regione degli Altipiani Maggiori d'Abruzzo

Nella Regione degli Altipiani Maggioridal Piano delle Cinque Miglia e per il Quarto del Barone e la Riserva Naturale Orientata del Quarto di Santa Chiara. Un ambiente di fascino, diverso, una zona costituita da antichi fondali lacustri, circondati da alti rilievi montuosi; un corridoio naturale tra il Parco Nazionale d'Abruzzo e quello della Majella

La valle del relax

A circa 2,5 km da Ovindoli, in direzione sud-est, troviamo la Valle d'Arano, parte integrante del Parco Regionale del Sirente-Velino. È un antico bacino lacustre, originato dal torrente La Foce, che ha dato vita anche alle Gole di Celano-Aielli, canyon naturale tra i più suggestivi d'Italia.

La Via di Campo Imperatore

La passeggiata a cavallo che parte dal territorio della Provincia di Teramo, per arrivare a Sulmona, dopo aver attraversato il comprensorio del Parco Nazionale Monti della Laga è un percorso impegnativo quanto entusiasmante per i cavalieri impegnati ad attaccare il massiccio del Gran Sasso che visto da Castelli

La Via di Campo Imperatore

La passeggiata a cavallo che parte dal territorio della Provincia di Teramo, per arrivare a Sulmona, dopo aver attraversato il comprensorio del Parco Nazionale Monti della Laga è un percorso impegnativo quanto entusiasmante per i cavalieri impegnati ad attaccare il massiccio del Gran Sasso che visto da Castelli

Monte Amaro

MONTE AMARO: accesso dalla statale 487, provenendo dall'Autostrada A25, uscita Alanno/Scafa, poi per Caramanico ed ancora avanti fino in località Passo San Leonardo, una delle vie invernali con pendenze non elevate che permettono di salire sulla vetta più alta della Majella (2793). La prossimità alle cime ne fa uno dei luoghi p

Nella Regione degli Altipiani Maggiori d'Abruzzo

Nella Regione degli Altipiani Maggioridal Piano delle Cinque Miglia e per il Quarto del Barone e la Riserva Naturale Orientata del Quarto di Santa Chiara. Un ambiente di fascino, diverso, una zona costituita da antichi fondali lacustri, circondati da alti rilievi montuosi; un corridoio naturale tra il Parco Nazionale d'Abruzzo e quello della Majella

Sci di fondo al Bosco Sant'Antonio

La Riserva Regionale Bosco Sant'Antonio di Pescocostanzo, tra i più bei posti per lo sci di fondo nella regione.

La Via di Campo Imperatore

La passeggiata a cavallo che parte dal territorio della Provincia di Teramo, per arrivare a Sulmona, dopo aver attraversato il comprensorio del Parco Nazionale Monti della Laga è un percorso impegnativo quanto entusiasmante per i cavalieri impegnati ad attaccare il massiccio del Gran Sasso che visto da Castelli

Tra borghi e castelli medievali

Dal centro di Santo Stefano di Sessanio, si imbocca a piedi la strada per Campo Imperatore. Dopo circa 1 km (cartello), si piega a destra per una stradina e poi per un viottolo che traversa un altopiano (Piano Lucchiano); di qui, si sale in un vallone (la Valle Pareta) fino a una strada a mezza costa (3,5 km dalla partenza).

Verso l'affascinante mondo di roccia

ll Gran Sasso è costituito da roccia calcarea ed è vario nella morfologia e nel panorama.