Salta al contenuto principale
x

Castel del Monte

Dove si trova: compreso nel territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Castel Del Monte sorge, a un’altitudine di 1345 m., a sud di Campo Imperatore.

Perché visitarlo: Il toponimo "Castellum de Montis" rende chiaramente l’idea di centro fortificato incastonato tra le montagne. Borgo dall’anima e dall’urbanistica medievale, che si racconta ancora soprattutto nelle tipiche case-torri. E’ un luogo che da sempre incanta con la bellezza e la maestosità del paesaggio che lo circonda.

Cosa vedere: tutto il centro storico con alcuni scorci molto suggestivi costituti da piccoli sottopassi coperti, loggiati e case-torri, resti di mura e porte di accesso, il borgo fortificato detto "Ricetto” nella parte più antica del paese, la Chiesa della Madonna del Suffragio, la Chiesa della Madonna delle Grazie al di fuori del centro storico, la Chiesa di San Donato Fuori le Mura che domina parte più alta, la Chiesa di San Rocco, la piccola Chiesa di Santa Caterina, la Chiesa Matrice di S. Marco, il Palazzo del Governatore, la Residenza della Famiglia Colelli, i Musei di Arte Contadina (pastorizia, arte della lana, casa antica, lavoro nei campi, forno del ballo).

Cosa mangiare: le genuità legate all’antica tradizione della transumanza come il famoso formaggio "Canestrato", il "Marcetto", una crema piccante di formaggio fermentato, la "Chiaranese", carne di pecora cotta lentamente con acqua e aromi. Numerosi piatti preparati con la pasta fatta in casa come "strangolapreti", "surgi sfunnete"," taccuzzelle" e, "ciafrichigli". I "mostaccioli", le "crespeglie", le "ferratelle" o "naule", i "nocciatterrati", le "cicerecchiole" sono solo alcune delle dolci prelibatezze.

Sito web

Fa parte de: I borghi più belli d’Italia

(magda 28/11/2019)

 

Provincia: L'Aquila

CAP: 67023

Prefisso: 0862

Altitudine: 1345

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.3647038, 13.7266016

La Chiesa della Madonna del Suffragio, della prima metà del XV secolo, era la sede della “Compagnia delle Anime del Suffragio”, fondata nel 1685. La Confraternita raccoglieva i più ricchi proprietari ovini del paese che, con lasciti e donazioni, resero possibile la realizzazione delle preziose opere d’arte.

La Rocca, al culmine di un'altissima vetta (m. 1500 sul livello del mare), presenta un impianto regolare con grandi torrioni a pianta circolare, grossa torre o maschio al centro.

Nei pressi del Castello di Rocca Calascio, (1500 s.l.m.) nel Comune di Calascio, nel Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, sul sentiero che porta a Santo Stefano di Sessanio, si trova la chiesa di Santa Maria della Pietà, un piccolo tempietto eretto tra il XVI e il XVII secolo sul luogo dove, secondo la leggenda, la popolazione locale ebbe la meglio su una banda di briganti.

Nei pressi del Castello di Rocca Calascio, (1500 s.l.m.) nel Comune di Calascio, nel Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, sul sentiero che porta a Santo Stefano di Sessanio, si trova la chiesa di Santa Maria della Pietà, un piccolo tempietto eretto tra il XVI e il XVII secolo sul luogo dove, secondo la leggenda, la popolazione locale ebbe la meglio su una banda di briganti.