Salta al contenuto principale
x

I TRABOCCHI

Lungo il tratto meridionale del litorale abruzzese, tra Ortona e Vasto, sorgono come sentinelle sul mare i celebri “trabocchi”, paragonati da Gabriele D’Annunzio a “ragni colossali” e descritti come “macchine che parevano vivere di vita propria”. Tipiche strutture in legno a palafitta, armoniose nel loro gioco di fili e corde, costruite in epoche di ricchezza del pescato, con la trasformazione dei fondali e la diversa situazione economica conservano un valore affettivo per le popolazioni locali e suggestivo per i visitatori. Elemento umile, quindi, ma con la dignità piena di ricordi che restituisce il vero rapporto tra l’uomo e il mare.

Proposte di Viaggio, Itinerari & Idee

Che decidiate di trascorrere nella nostra regione solo un weekend o un'intera vacanza, troverete qui spunti e suggestioni sui luoghi, le attività, i borghi e i percorsi più affascinanti per scoprire l'Abruzzo più autentico!