Salta al contenuto principale
x

LA TAVOLA DEI MORTI - SPOLTORE

“La Tavola dei Morti’ riporta alla luce una tradizione importante diffusa in tutto il meridione sino agli anni ’50 e che purtroppo si è andata perdendo, ossia le pratiche devozionali per onorare i defunti che tornano nelle loro case per un breve attimo nella notte di Ognissanti. L’evento, che prenderà il via alle 19,00 in punto dinanzi alla sede della motorizzazione civile (Pescara), inizierà con la distribuzione delle candele  sotto la guida di Enzo Di Paoli, storicista e storytelling dei luoghi. Si narrerà poi del "pozzo dei guerrieri", situato sotto quello che oggi è un terrapieno-rotatoria e dove  si abbeveravano i soldati della guarnigione spagnola durante il vicereame di Napoli e i briganti. Quindi con la sola luce delle candele ci si incamminerà verso il Borgo Case Troiano, seguendo un percorso delimitato dai lumini, con alcune pause, ciascuna delle quali sarà caratterizzata da un racconto, come "la storia delle ‘ossa a la vutate de lo lope’, ossia del ritrovamento di ossa umane a seguito dell’impianto di vigne e oliveti, che ancora oggi fanno sospettare la presenza in loco di un’area cimiteriale addirittura di epoca romana. Nell’uliveto visiteremo il rinvenimento di un’antica sepoltura facendo attenzioni a non incappare nei dispetti de Lu Mazzamurille, uno spiritello con un berretto rosso in testa che si diverte a infastidire i vivi con scherzi di ogni sorta. La “Processione dei frati morti”, in silenzio e con i ceri accesi, seguirà i presenti scortati dalle anime dei cavalieri. All’esterno di ogni abitazione ci saranno dei simboli, come il sacchetto di grano o la scopa rovesciata e, ogni volta, ne sarà narrato il significato.

Anche le tavole saranno imbandite per accogliere le anime che passeranno la notte da quella cucina e che potranno ritrovare i piatti tanto amati in vita.

Particolare sarà l’allestimento dell’altare delle Anime Pezzentelle, le anime del purgatorio in cerca di grazia con la possibilità di ascoltare il racconto di una devozione tutta abruzzese e meridionale. 

Al termine dell’evento, a tutti i partecipanti sarà offerto gratuitamente il ‘cibo penitenziale’, anch’esso rigorosamente rispettoso della tradizione, ovvero ‘il grano dei morti’, ossia grano bollito con noci, melograno e mosto cotto, fave lesse, ceci abbrustoliti, zucca e patate con vino rosso. 

Ingresso libero - 3316796820

(LT)

Indirizzo: Via Francia, Spoltore - 65010

Dal: 01-Novembre-2019

Al: 01-Novembre-2019

LA TAVOLA DEI MORTI - SPOLTORE