Salta al contenuto principale
x

Morino

Borgo di tradizioni, buona cucina, monumenti, musei ma soprattutto natura incontaminata, Morino offre tanti motivi per andare a scoprirla. Il cuore di questo paese, però, è legato al suo paesaggio: il borgo infatti sorge alle porte della Riserva Naturale Zompo lo Schioppo. Tra boschi di faggi e castagni, vette e corsi d’acqua, la riserva è un’oasi verde di immensa bellezza e il suo cuore, lo spettacolo che più affascina, è la sua cascata che, partendo da una sorgente carsica sulla cima dei rilievi, cade per 80 metri creando il salto naturale più alto dell’Appennino. E sottoterra lo spettacolo continua tra grotte, pozzi e doline. Nella riserva è possibile percorrere diversi sentieri e visitare un ecomuseo, centro multimediale che permette di conoscere il territorio e sensibilizzare sul tema della tutela ambientale.

 

Provincia: L'Aquila

CAP: 67050

Prefisso: 67050

Altitudine: 438

POSIZIONE GEOGRAFICA

41.8473872, 13.4396172

Il Museo documenta, attraverso diorami ma anche giochi interattivi, gli ambienti naturali della Riserva naturale in cui è situato (tra cui la faggeta, oggetto anche di un programma di conservazione ambientale) e i mestieri tradizionali del luogo.

La Riserva Naturale Zompo Lo Schioppo si trova nel cuore dell'Appennino quasi a congiunzione tra i monti Simbruini, i Cantari ed i monti Ernici nella Valle Roveto. L'area che ricade del territorio del Comune di Morino prende il nome dalla cascata "Zompo lo Schioppo" la cui acqua precipita, in un meraviglioso scenario, da una parete calcarea molto ripida compiendo un salto di oltre 80 metri.

La cascata dal nome assai curioso di Zompo lo Schioppo si trova nella Valle Roveto, estrema propaggine dell'Abruzzo verso il Lazio. Questa cascata, molto spettacolare, deve il nome, abbastanza inusuale, alla parola dialettale "zompo", che significa appunto salto.