Salta al contenuto principale
x
 
Stazione Sciistica:

Pescasseroli

Pescasseroli al centro del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise. Situata nell'alta Valle del Sangro, a 1.167 m. sul livello del mare, in un anfiteatro di montagne e boschi centenari, il suo territorio conserva la bellezza selvaggia del paesaggio ed una straordinaria varietà di flora e fauna. Base strategica, quindi, per escursioni naturalistiche in una natura viva e coinvolgente dove la possibilità d'incontro ravvicinato sulle piste da sci con gli animali del parco è reale. In una delle zone montane più suggestive d'Italia, la località rappresenta l'offerta neve del Parco. Da tempo è nota come importante stazione di sport invernali attrezzata con cinque impianti di risalita che servono circa 20 Km di piste. E' presente anche un impianto di snowtubing aperto tutto l'anno. Gli appassionati del fondo hanno a disposizione le piste di Opi-Macchiarvana fino al Piano di Terraegna e molti altri itinerari che iniziano proprio dai dintorni di Pescasseroli.
Parte della sua storia è legata alla transumanza, da qui partiva infatti il tratturo verso Candela (Foggia). Il centro abitato, che subì notevoli danni dal terremoto del 1915, conserva tuttavia testimonianze di architettura civile. Paese natale del filosofo Benedetto Croce, Pescasseroli ha anche un fiorente artigianato tipico, soprattutto del legno. Il clima asciutto e salubre, l'ottima attrezzatura turistico-ricettiva, sportiva e da diporto ne fanno il luogo ideale per un soggiorno estivo e per la pratica degli sport invernali, ma anche di vacanza in ogni periodo dell'anno. Fra le varie proposte offre il Centro visita del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise, con museo di storia naturale, area faunistica e orto botanico.
Maggiori informazioni su:
www.sciareapescasseroli.it

 

Immagine rimossa.

 

 

Area Stazione Sciistica:
Alto Sangro
Altitudine:
1.167
Provincia:
L'Aquila

Partenza da Pescasseroli verso il rifugio del Passo del Diavolo a 1400 m slm. Da qui bisogna seguire il sentiero contrassegnato dalla lettera T che si dirama in T1, T4 e T5 e che tutti abbracciano la ampia zona della Cicerana. È molto alta la probabilità di vedere l'Orso Bruno Marsicano soprattutto in primavera quando l'orso esce dal letargo durato quasi tutto l'inverno.

Partenza da Pescasseroli verso il rifugio della Difesa da dove parte il sentiero scorciatoia per il Monte Tranquillo. Il percorso è contrassegnato dalla sigla C3 della Carta Turistica del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Il percorso raggiunge i 1841 m di altezza.

Partenza da Pescasseroli verso la Valle dell'Atessa, fino all'Altopiano di Terraegna, si prosegue verso le Ciminiere di Scanno (spettacolari torrioni calcarei) e attraverso il Vallone del Carapale si inizia la discesa verso Scanno, arroccato sopra una gola alpestre nella Valle del Sagittario.

La Parrocchiale dei SS Pietro e Paolo, danneggiata dal terremoto della Marsica del 1915 è stata restaurata, liberandola dalle sovrastrutture barocche e restituita alle sue linee originarie.Essa conserva un portale ogivale sormontato da un finestrone barocco. L'interno basilicale a tre navate, divise da pilastri a fascio e coperti da volte a crociera con costolini.

momentaneamente  chiuso

Palazzo Sipari è una costruzione importante edificata nel 1858 nel paese abruzzese di Pescasseroli. Il palazzo prende il nome dalla famiglia Sipari, importante famiglia politico abruzzese emergente dopo l'unità italiana.

Aperto nel 1969, di proprietà' dell'Ente Parco, è una struttura di informazione, educazione ed interpretazione ambientale che espone materiali e documenti relativi alla fauna abruzzese, all'assetto geologico del territorio, alla tradizione. Il Centro visita comprende:

Nato nel 1922 e istituito con Regio Decreto l’anno successivo, è il più antico Parco nazionale d’Italia. In esso sono concentrati quasi tutti i caratteri che contraddistinguono l’Appennino centrale, compresi elementi di flora e fauna unici al mondo o ormai scomparsi nel resto della catena.

Ci troviamo ai margini di Pescasseroli, la “capitale” dell’Alta Valle del Sangro.

CATEGORIE DI APPARTENENZA

41.8078509, 13.7887872