Salta al contenuto principale
x

Scrippelle 'mbusse

Con l’arrivo dell’autunno c’è un piatto che si sposa bene con l’abbassarsi delle temperature: le scrippelle ‘mbusse, piatto teramano d’eccellenza.
Da sempre contese tra francesi ed abruzzesi, questa pietanza ha antiche origini e la legenda narra che sono nate a causa di un maldestro e banale errore.
Enrico Castorani, assistente cuoco della mensa degli ufficiali francesi con sede a Teramo, era solito preparare le crêpes in sostituzione del pane. Una sera, come da consuetudine, lo chef si apprestava a servire la cena quando, per sbaglio, rovesciò le crêpes in un recipiente di brodo fumante. Per mascherare questo sbaglio, Castorani decise comunque di servire questa portata come un primo piatto.
 Non c’è bisogno di sottolineare il successo della portata, divenute oggi il piatto simbolo della tradizione culinaria teramana!
Il bizzarro nome di questo piatto scrippelle ‘mbusse (‘mbusse in dialetto abruzzese vuol dire bagnate!) è di derivazione francese, mescolato con il dialetto locale. L’etimologia del nome crespelle pare derivare infatti dal francese “crêpe s’appelle”, il termine scrippelle infatti altro non è che la sua forma dialettale.  

Ecco la ricetta:
La preparazione di questo piatto si divide in due momenti: la realizzazione delle scrippelle e la preparazione del brodo in cui verranno servite.

INGREDIENTI (per 6 persone):

Per le scrippe:
- 6 uova
- 12 cucchiai di farina
- Acqua
- Sale
- Prezzemolo tritato
- Pecorino grattuggiato
- Parmigiano grattuggiato

Per il brodo:
- 300 gr di punta di petto di manzo
- 300 gr di muscolo bovino
- 1 osso di bovino
- 1 ala di tacchino
- 1 carota
- 1 patata
- 1/2 cipolla


PREPARAZIONE

Per le scrippelle:
1) In una ciotola, sbattete le uova con un pizzico di sale; quindi, aggiungete la farina e mescolate con energia il composto, magari usando una frusta da cucina.
2) Unite lentamente acqua continuando a mescolare, finché il composto non sarà amalgamato, aggiungendo una spolverata di prezzemolo.
3) Scaldate un padellino da crepes e imburratelo con burro fuso.
4) Aggiungete il composto preparato precedentemente, versandone poco più di un mestolo; quindi, roteate il padellino finché il composto non ne occupi tutta la superficie e lasciate cuocere a fuoco lento.
5) Fate asciugare la scrippella da entrambe le parti; quindi, toglietela dal padellino stando attenti a non romperla e lasciatela raffreddare. Ripetete le operazioni 4 e 5 per ogni scrippella da realizzare.
6) Versate una spolverata di pecorino e chiudetela arrotolandola.

Per il brodo:
1)  In una pentola, bollite insieme la carne di manzo, l'osso di bovino, 1 ala di tacchino, 1 carota, 1 patata e mezza cipolla, unitamente ad un cucchiaio di olio extravergine di oliva e sale quanto basta.
2) Lasciate bollire il brodo per circa due ore; quindi, passatelo al colino.
3) Tagliate via le estremità delle scrippelle e disponetele in fila nei singoli piatti.
4) Aggiungete il brodo sulle scrippelle, servendolo caldissimo.
5) Aggiungete una spolverata di parmigiano o pecorino.

Buon appetito!

Proposte di Viaggio, Itinerari & Idee

Che decidiate di trascorrere nella nostra regione solo un weekend o un'intera vacanza, troverete qui spunti e suggestioni sui luoghi, le attività, i borghi e i percorsi più affascinanti per scoprire l'Abruzzo più autentico!