Skip to main content
x

Castellafiume

Dove si trova: Castellafiume (AQ) è un piccolo comune situato alle pendici della catena dei monti Simbruini. 

Perchè visitarlo: ha un interessante patrimonio artistico da offrire ai suoi visitatori, un connubio perfetto tra arte e natura. Castellafiume che deriva da Castrum fluminis, ovvero castello sul fiume Liri, nel XII secolo era già un centro abitato di rilievo. Feudo conteso da diverse famiglie fino al XV secolo, nel 1806 divenne frazione di Cappadocia ma ben presto riuscì a conquistare la propria autonomia amministrativa aggregando anche la piccola frazione di Pagliara dei Marsi. Incantevole è il centro storico con edifici prevalentemente di epoca sei-settecentesca. Meta ideale per gli amanti delle tradizioni, immerso nel verde della natura, il territorio offre suggestive escursioni nel vicino monte Aurunzo, la catena dei Simbruini e il monte Girifalco. Le escursioni guidate e l'arrampicata sportiva sono le attività più praticate nel territorio della valle di Nerfa ricco di falesie montane. La primavera e l'estate sono i periodi migliore per visitare questa ridente località quando si celebrano la maggior parte delle feste e riti in occasione dei santi patroni, che riportano alla luce vecchie tradizioni e antiche leggende. A maggio, in occasione della festa della Madonna del Rosario e di San Nicola di Bari, vengono sorteggiate alcune fanciulle che consegneranno i tradizionali "ciambellotti" ai portatori di statue.

Cosa vedere:

  • Chiesa parrocchiale di San Nicola di Bari: si trova nel centro storico dell'abitato. La sua edificazione in età medievale è attribuita ai Benedettini di Montecassino. Nel corso dei secoli è stata oggetto di vari interventi che ne hanno modificato l'originario aspetto. La chiesa attuale è caratterizzata dallo stile barocco degli elementi architettonici delle decorazioni e dall'altare ligneo;

  • Madonna della Ravara: in località "Ponte" un percorso ai piedi dei monti Simbruini, immerso in uno splendido contesto paesaggistico, conduce ad una grotta dentro la quale è stata posta una bellissima statua della Madonna rivolta verso l’abitato di Castellafiume;

  • Borgo Fonte Vecchia: un oasi di pace e serenità dove si respira aria fresca e pulita, nata dal recente recupero degli antichi edifici ottocenteschi del centro storico;

  • Acquedotto dell'Arunzo: un canale ipogeo ideato dal console Lucio Arrunzio e realizzato tra il 41 e il 54 d.C. alla base del monte Aurunzo;

  • Monumento all'Emigrante: è posizionato nella piazza omonima;

  • Chiesa del Santissimo Salvatore - Pagliara dei Marsi: custodisce un organo del 1873, a 19 canne, di grande valore storico e artistico, opera dell'organaro romano Tommaso Vajola.

Cosa mangiare: la buona cucina tradizionale annovera piatti a base di prodotti tipici del territorio come il tartufo bianco e nero. I fagioli sono i legumi più utilizzati nella preparazione di zuppe e minestre, l'agnello è la regina tra le carni. Non mancano gli "arrosticini" che insieme alla pasta e fagioli, con dell'ottimo vino autoctono, vengono celebrati in occasione di una sagra estiva.

Sito web

foto: Marica Massaro / CC BY-SA
(magda 14/05/2020)

Provincia: L'Aquila

CAP: 67050

Prefisso: 0863

Altitudine: 840

POSIZIONE GEOGRAFICA

41.987292205686, 13.330087208601