Skip to main content
x
aia dei musei

Antiche iscrizioni e mitiche battaglie: la storia marsicana viaggia nel mondo

0
0

"Ave, Caesar, morituri te salutant”: così, sullo specchio d'acqua del Fucino, i combattenti della naumachia salutavano l'Imperatore Claudio.

Il grande spettacolo della battaglia navale per l'inaugurazione dei lavori per il prosciugamento del Fucino attraverso l'apertura dei Cunicoli di Claudio, fu indetta  nel 52 d.C. I perdenti erano condannati a morte ed è Svetonio che ci narra del loro ultimo saluto all'imperatore: "Ave, Cesare, coloro che stanno per morire ti salutano".

“Il Filo dell’Acqua” , Museo del Prosciugamento del Fucino di Avezzano attraverso un allestimento moderno e multimediale illustra  la grande opera idraulica che ha portato alla scomparsa del terzo lago d’Italia per dimensioni, modificando indelebilmente il destino di generazioni di uomini che da pescatori divennero contadini. Il lago e la sua storia sono narrati in un percorso variegato e multiforme, in cui le citazioni di storici greci e latini si intrecciano con le immagini di ciò che era il Fucino e le voci supplicanti degli abitanti disperati per le sciagure che esso causava. I grandi progetti degli ingegneri dei tempi passati sono raccontati, talvolta, come l’inverosimile antefatto della magnifica impresa portata a termine da Alessandro Torlonia nella seconda metà dell’Ottocento.’

Accanto ad esso  "Le Parole della Pietra" il Museo Lapidario con la saletta dedicata ad Avezzano prima del terremoto del 1915, che introduce al museo, testimonia il passato di una città scomparsa e totalmente sconosciuta, dove gli stemmi nobiliari, il magnifico portale della Chiesa di San Nicola, i capitelli del il duomo di San Bartolomeo e un’ex fonte battesimale di una chiesa non identificata, invitano un sentimento di appartenenza quasi estraneo alla nuova gente di Avezzano e allo stesso tempo nostalgia per ciò che non c’è più. Le altre sezioni, dedicate alle iscrizioni antiche, raccolgono le reliquie di un glorioso passato: dal dittatore Silla a Poppedio Silone, capo della Lega Italica, alle epigrafi di Alba Fucens, Marruvium, Lucus Angitiae, Ortona dei Marsi.

I musei ed un edificio dedicato a mostre d’arte contemporanea ed eventi all’aperto sono i corpi pulsanti de "L'aia dei Musei" di Avezzano che in questi giorni ha presentato la grande operazione di digitalizzazione che ne permetterà la fruizione in tutto il mondo, a breve disponibile anche in lingua francese ed inglese.

La digitalizzazione non riguarda solo e opere e il loro catalogo, ma anche la consultazione dei testi presenti nei musei, le visite guidate, gli eventi culturali proposti da quello che è divenuto un punto di incontro ed un vero e proprio laboratorio di idee. Saranno fruibili anche filmati per arricchire la conoscenza della storia mitica e delle bellezze del territorio marsicano.

www.aiadeimusei.it

L. Toppeta 03-05-2021