Magazin

Pizza di Pasqua

La fecondità e il rinnovamento dopo il lungo periodo di Quaresima

Datum:

22 febbraio 2024

Lesezeit:

2 min

Themen
  • Traditionelle Rezepte
  • Ostern in den Abruzzen

Beschreibung

La pizza di Pasqua è un dolce dalla lunga quanto irrinunciabile preparazione diffusa in tutto l’Abruzzo.

Si tratta di una torta di forma cilindrica di colore dorato scuro, tradizionalmente legato al pranzo pasquale. Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT)

La ricetta proposta è conforme da più di 25 anni alle regole imposte dalla tradizione: infatti compare già in Gastronomia Teramana di Rino Faranda (Ed. Tercas, Teramo 1978). 

A Campli il sabato santo le donne e i fornai del Paese al lavoro per preparare questo dolce tipico. La Pizza di Pasqua o Spianata simboleggia, insieme alle uova sode che si portano in chiesa durante la Veglia per la benedizione, la fecondità e il rinnovamento dopo il lungo periodo di Quaresima. La mattina di Pasqua è tradizione consumare "la colazione benedetta", un rito collettivo praticato ancora oggi a base, proprio, di Pizza di Pasqua e uova sode.

Titolo del Paragrafo
La ricetta
Immagine Paragrafo
cannela e anice
Descrizione Paragrafo

L’impasto è a base di uova, latte, farina, lievito di massa, olio di oliva, zucchero e semi di anice con l’aggiunta di limone grattugiato, cedro candito, uva secca e cannella.

Si procede montando a neve gli albumi che vanno uniti ai tuorli sbattuti con lo zucchero. Quindi si aggiungono l’olio, la farina, il lievito e i semi di anice e si mette il composto a lievitare una prima volta per circa 24 ore.

Poi si aggiungono tutti gli altri ingredienti amalgamando bene e stendendo la massa su pirofile precedentemente unte e coperte con carta oleata, facendo attenzione a riempirle per un terzo della loro capienza per permettere all’impasto di lievitare una seconda volta per altre 24 ore. Trascorsi i tempi di lievitazione, si inforna la pizza per circa 60 minuti a 150°C.

 

Etichetta

  • Pasqua
letzte Aktualisierung

20/03/2024, 12:27

gepostet von Laura Toppeta