Salta al contenuto principale
x

Pretoro

Dove si trova: Pretoro si trova sul versante orientale della Maiella, in provincia di Chieti.

Perché visitarlo: Se guardiamo Pretoro da lontano ci sembra di vedere un borgo che è il proseguimento stesso della roccia. Una volta raggiunto, ci addentriamo nel cuore dell’abitato e ci troviamo a respirare le atmosfere antiche questo paese sorto intorno al 1600 dopo la distruzione del Castello di Pretoro, arroccato sull'estremità della roccia e denominato "Castrum Pretorii de Theti". Qui, tra vicoli strettissimi e intrecciati tra loro come un ricamo prezioso, ci aggiriamo fino a ritrovarci davanti il maestoso panorama che circonda il paese. Montagne e boschi, narrati anche nel “Centro San Domenico per la divulgazione degli aspetti culturali e naturali sul lupo, i serpenti e la storia di Pretoro”. Infine, caratteristico è l’artigianato del legno, in particolare per la realizzazione dei fusi per lavorare la lana.

A pochi chilometri dal borgo, le piste da sci del comprensorio Passo Lanciano - Maielletta in inverno offrono un’alternativa alla quiete del centro storico.

Cosa vedere:

  • La Chiesa di Sant’Andrea Apostolo;
  • La Chiesa di San Nicola;
  • L’Eremo della Madonna della Mazza;
  • la Riserva Naturale Valle del Foro;
  • Comprensorio sciistico Passo Lanciano-Maielletta;

Cosa mangiare: la pasta alla chitarra, la pecorara (anellini di pasta fatti in casa e conditi con sugo, ricotta, melanzane, zucchine e peperoni), i "p’ttlolozz" (pasta fatta in casa e tagliata a mano a forma di rombi). Tra i secondi l’agnello alla brace cotto a legna ed i turcinelli di budella di maiale. Il dolce locale è la “torta del lupo”, con cacao e vino Montepulciano d’Abruzzo.

Sito web: http://www.comune.pretoro.ch.it/hh/index.php

Fa parte dei "Borghi più belli d'Italia"

FC (09/01/2020)

Provincia: Chieti

CAP: 66010

Prefisso: 0871

Altitudine: 550

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.2192963, 14.1400684

Prossimi Eventi

Il massiccio della Majella è il più imponente e più immanente di tutto l'Appennino, con oltre 60 cime che superano i 2000 metri di altezza. Il Monte Amaro (q. 2.793 m) è la sua vetta più alta, la seconda montagna d´Abruzzo e di tutto l'Appennino, dopo il massiccio del Gran Sasso.

Il Museo della Ceramica di Rapino nasce nel dicembre del 2003, con l'intento di rivalutare un'arte antica che ha portato il nome di Rapino in tutto il mondo, esso si trova all'interno dell'antico convento di San'Antonio, un complesso architettonico risalente al 1645 circa ed è costituito da diversi ambienti, ognuno caratterizzato da opere di autori, epoche e stili differenti; tra queste, il Mus

È tra i più antichi monasteri benedettini abruzzesi. La sua fondazione viene fatta risalire a Carlo Magno (di cui rimane la raffigurazione in un frammento di affresco); in realtà esiste solo una falsificazione in forma di copia semplice dell'anno 798, confezionata alla metà del XII secolo.

L’eremo di Sant’Onofrio si trova a pochi km dal centro di Serramonacesca, nel Parco nazionale della Majella, a circa 725 metri di altitudine.