Salta al contenuto principale
x

Villavallelonga

Dove si trova: Villavallelonga (AQ) si erge a circa 1000 metri di altitudine, sviluppandosi su un terreno scosceso lungo la valle omonima, ai piedi del Colle dei Cerri. Porta orientale del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, il borgo è immerso in un paesaggio ricco di pascoli e boschi secolari.

Perché visitarlo: a causa del terremoto marsicano del 1915, si conserva ben poco del tessuto edilizio originario. Punto di forza del borgo è sicuramente l'ambiente naturale circostante, habitat di una fauna ricca e varia che contempla la presenza dell'orso marsicano, del capriolo, della lince e dell'aquila. Tra la Val Tassetto e la Valle Cervara, ad oltre 1600 metri di quota, si estende la faggeta più antica d'Europa, con esemplari che superano i 500 anni di età. Centro turistico tra i più visitati dell'area del parco, rappresenta in ogni stagione un'ottima base di partenza per escursioni e traversate, seguendo vari itinerari e piste per il trekking e lo sci da fondo. Meraviglioso il panorama che si gode dai Prati d'Angro.

Cosa vedere:

  • Santuario della Madonna della Lanna, situato lungo la strada che conduceva al tratturo Pescasseroli-Candela, deve il nome al tipo di vegetazione presente in zona. Storicamente meta dei pastori per invocare la protezione della Vergine durante gli spostamenti in Puglia;
  • Chiesa della Madonna delle Grazie, posta poco fuori dal centro abitato, di origine benedettina, con campanile di pietra a due livelli;
  • Centro visita dell'Orso, al cui interno si può visitare il Museo dell'Orso, il centro di educazione ambientale, il giardino botanico e l'area faunistica;
  • Zona archeologica di Amplero, nel vicino territorio di Collelongo, dove sono rinvenuti resti di un insediamento italico.

Cosa mangiare: la cucina della zona è di chiara matrice agropastorale, dove la pecora regna sovrana. A gennaio è d'uopo festeggiare San Sebastiano con un piatto di frascareje, granelli di pasta (solo acqua e farina) bolliti e conditi con sugo e formaggio di pecora. Una specialità per buongustai è costituita dal marro, robusta pietanza fatta con intestini di agnello, mentre per stomaci più delicati è consigliabile una minestra con un mix di ceci, lenticchie, fave, chicchi di grano e granturco bolliti; prodotti che queste terre offrono con generosità insieme a tartufi, funghi e, da poco reintrodotto, zafferano della Vallelonga.

Per saperne di più:

Sito ufficiale Comune di Villavallelonga

(I.M. - 07/05/2020)

 

Provincia: L'Aquila

CAP: 67050

Prefisso: 0863

Altitudine: 1005m

POSIZIONE GEOGRAFICA

41.8391833, 13.6710059