Salta al contenuto principale
x

Bussi sul Tirino

Dove si trova: si trova ad un’altitudine di 344 m ed è immerso nell'area del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Nel paese scorre il fiume Tirino, che nasce dal sistema acquifero di Campo Imperatore.

Perché visitarlo: Il  paese offre tante bellezze naturalistiche, come per esempio il fiume Tirino, ricco di trote e di gamberi,noto per essere il fiume più bello e pulito d’Italia ed uno dei più puliti in Europa. Il centro abitato è sito su una collina, quindi la cittadina è completamente immersa nel verde ed abbonda di panorami mozzafiato. Bussi sul Tirino è una meta perfetta per chi ama l’avventura, l’escursionismo, ma soprattutto per chi desidera il contatto con la natura circostante incontaminata. Lungo la Valle del Tirino è possibile praticare attività di equiturismo, passeggiate in mountain bike, trekking. Nel Medioevo la sua industria principale era quella delle stoviglie, ma ad oggi questa industria è decaduta. Oggi Bussi sul Tirino è sede della Società Chimica Bussi S.p.A. persegue il primario obiettivo dello sviluppo sostenibile delle proprie produzioni di chimica di base e chimica fine, con il continuo miglioramento dell’impatto sociale e ambientale delle stesse e l’industrializzazione di processi e prodotti innovativi nel segmento del trattamento acque.  

Cosa vedere:

  • Castello di Bussi sul Tirino: probabilmente costruito dai d’Angiò, il castello è il monumento principale della città. Nonostante sia stato in origine edificato nel 1100 come edificio di difesa, dopo trasformazioni e ristrutturazioni oggi è adibito a residenza privata. Forti muraglie, torre merlata, finestre medioevali e rinascimentali. Sulla facciata originale balconcino con balaustra a merlatura.
  • Chiesa parrocchiale di San Biagio: costruita nel Trecento, ha un aspetto barocco, come testimoniato dal portale coronato ricurvo. In occasione dei festeggiamenti del santo si usa seguire la Santa Messa nella chiesa e ricevere l’olio benedetto per l’unzione della gola. A San Biagio è infatti riconosciuto il patronato contro tutte le malattie della gola.
  • Chiesa di Santa Maria di Cartignano: si trova sulla strada che costeggia Bussi ed è un’antica “chiesa di strada”, uno di quegli edifici sacri definiti “chiese tratturali”, edificate sui sentieri delle transumanze – ovvero “tratturi” – sui cui i pastori si muovevano continuamente tra Abruzzo, Molise, Basilicata e Puglia;
  • Centro Visite Fiume Tirino: moderna struttura educativa e informativa adagiata sulle sponde del fiume omonimo dalle acque limpidissime e tra le più ossigenate e pulite della penisola italiana. Il Centro è dotato di un laboratorio didattico dedicato alla sostenibilità ambientale.

 

Cosa mangiare: calcioni, frittata al basilico, patate 'mporchettate, spumini, tortiera di patate, ciambelle d’ San Biag.

Sito web

foto di Bruno (CC BY-SA 2.0)
(LT:16/01/2020)

Provincia: Pescara

CAP: 65022

Prefisso: 085

Altitudine: 344

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.2135849, 13.8253915

Il Castello Ducale dei Cantelmo (X-XI d.C) si trova a  Popoli (Pe) e ne rappresenta il simbolo. Il castello fu costruito tra il 970 ed il 1016 per volere di Tidolfo o Teodolfo, vescovo di Valva, cui Popoli era soggetta.

E' una delle più antiche aree protette d’Abruzzo nata nel 1986. Si estende interamente nel territorio del comune di Popoli (Pe) su una superficie di circa 50 ettari, a tutela di una limpida risorgenza di rara bellezza originata da acque sotterranee, che percorrono un tragitto di circa un mese, e da una miriade di piccole e grandi polle.

Un luogo di relax per ritrovare la propria forma fisica, riposarsi e stare bene.