Salta al contenuto principale
x

Castello Piccolomini - Balsorano (AQ)

Descrizione: il castello Piccolomini di Balsorano, monumento nazionale, sorge sulla sommità di un'altura in un contesto paesaggistico bellissimo, presso la riva sinistra del fiume Liri, in prossimità della Valle Roveto.

L'imponente edificio si presenta come una poderosa struttura in pietra, dotata di varie porte d'accesso, delle quali la principale è raggiungibile a piedi dal rigoglioso parco. Ha una pianta pentagonale irregolare con torri circolari agli angoli che ne sottolineano l'antica funzione militare. L'elegante cortile ad "L" con pozzo al centro, abbellito da bifore e arcate racconta invece di un'antica dimora gentilizia.  Gli spazi interni sono in parte alterati dal restauro effettuato negli anni trenta del XX secolo, ma conservano ancora elementi antichi di grande suggestione. La cinta  muraria è stata attrezzata per passeggiate e come belvedere. L’interno mantiene l’aspetto gotico e rinascimentale originale.

Storia e leggende: il castello fu eretto sulle fondamenta di un'altra antica struttura, da Antonio Piccolomini, nipote di Papa Pio II, intorno all'anno 1460, che ne assunse anche la baronia. I Piccolomini detennero il possesso del castello fino agli inizi del 1700 quando la famiglia si estinse e la baronia di Balsorano passò sotto il dominio del barone Testa, nobile romano i cui discendenti si riapparentarono, in seguito, con i discendenti Piccolomini. Dai Testa-Piccolomini, il castello e le terre passarono prima al possidente francese Carlo Lefebvre, poi a don Pedro Alvarez del Toledo, marchese di Casafuerte, fino al 1929, quando vennero acquistati dalla famiglia Fiastri-Zannelli. E' gestito dalla Società dei Castelli d'Italia, su modello dei castelli di Francia e d'Inghilterra.
Per la sua bellezza è stato spesso usato come location di film italiani. Vi sono state realizzate più di 30 pellicole.

Musei e mostre: da visitare la sala d’armi e la sala centrale, ricca di arazzi cinquecenteschi e di affreschi con dipinti gli stemmi e i blasoni dei vari proprietari della famiglia Piccolomini.

Nei dintorni: borgo di Balsorano, Convento di San Francesco, Chiesa di San Rocco a Balsorano Vecchio,  Museo della pastorizia, Eremo di Sant'Angelo, Eremo di Sant'Onofrio.

Servizi: la struttura dal 1960 è stata trasformata in albergo ristorante-. Dispone di due saloni di rappresentanza e numerose sale riunioni, bar con spazi interni ed esterni panoramici, sala d’armi, biblioteca con quadri e arazzi, cappella per cerimonie, 35 camere da letto di varie grandezze.

L.T. 02-11-2020


 

Via Pianillo, 2
http://www.comune.balsorano.aq.it/

0863/497165 - 0863-951236

41.8005084, 13.5738568