Salta al contenuto principale
x

Catacomba di Superaequum

Situata nel versante nord-ovest del Colle Moro la catacomba di Castelvecchio Subequo insieme a quella di San Vittorino (presso la città romana di Amiternum), costituisce una notevole testimonianza della prima diffusione del cristianesimo nel territorio abruzzese.  Scoperta nel 1943, la catacomba conserva al suo interno alcuni graffiti con riferimento al nome che confermano il legame del monumento con il culto cristiano. Il piccolo ipogeo, che si compone di due gallerie scavate direttamente in un banco di roccia calcarea, è stato soggetto a ripetuti interventi clandestini che hanno sistematicamente profanato la quasi totalità delle sepolture. Allo stato attuale delle ricerche sono stati indagati all'incirca sessantasei tombe, alcune con sepolture multiple. Gli oggetti di corredo, riferibili all’abbigliamento e all’ornamento personale, permettono di datare la frequentazione d'uso della catacomba tra il IV e l'inizio del VII secolo.  Attualmente, alcuni di questi reperti sono conservati nel Museo del convento di San Francesco a Castelvecchio Subequo.

LT: 15/04/2020

39086479544, + 393286263006

42.1247396, 13.7313946