Salta al contenuto principale
x
chiesa di sant'Agata - Chieti

Chiesa conventuale di Santa Chiara - Chieti

La chiesa di Santa Chiara presenta la struttura conventuale abruzzese tipica del periodo a cavallo tra Seicento e Settecento.

Fu edificata a partire dal 1644 a fianco al preesistente convento delle Clarisse. La costruzione della chiesa affonda le radici in una vicenda di circa un secolo prima. Nel 1557 le suore furono costrette a cedere il monastero ai frati Cappuccini ottenendo in cambio un sito in località Santo Spirito per poterlo ricostruire. L'intento delle suore era quello di realizzare un edificio molto più imponente del primo tanto da farne una delle chiese conventuali barocche più importanti d'Abruzzo e sicuramente la maggiore dell'Ordine nella regione. I lavori strutturali durarono circa un secolo.

I lavori di decorazione dell'interno, consistenti soprattutto negli stucchi, si svolsero tra il 1680 e il 1790 e manifestano una matrice prevalentemente barocca seppure è possibile rintracciare elementi di gusto tardo settecentesco. Infatti è utile distinguere due modi decorativi corrispondenti a due fasi diverse; quello plastico-scultoreo trova espressione negli altari laterali e quello tardo-barocco si esprime in festoni di ghirlande, decorazioni a trama ed è presente nella finta cupola sopra l'altare, nelle volte e nel presbiterio. Questi ultimi lavori furono realizzati dai fratelli Antonio e Giuseppe Piazza nel 1765. Quasi tutti gli autori degli stucchi sono artisti di impronta lombarda, tra i quali va segnalato Carlo Piazzola e Alessandro Terzani. Tra le decorazioni che coprono tutta la chiesa spiccano gli altari posti alle testate del transetto che si distinguono per la ricchezza dei decori e per le vistose colonne tortili. Vero capolavoro conservato nella Chiesa è l’organo di Adriano Fedri del 1778.

L.T. 04-01-2021
VIA ARNIENSE CHIETI

42.3521633, 14.1687606