Salta al contenuto principale
x
ferrata Danesi

Ferrrata Danesi al Corno Piccolo

La ferrata Danesi permette di risalire il Corno Piccolo nel massiccio del Gran Sasso.

Viene spesso percorsa come proseguo del Sentiero Attrezzato Ventricini. In parte percorre la via normale per il Corno grande per poi proseguire tra funi e scalette in direzione del Corno Piccolo. Per raggiungere la cima è necessario fare alcuni passi di I e II grado non attrezzati.

Ci sono un paio di alternative per svolgere questo itinerario. In questo itinerario si parte  dai Prati di Tivo da cui parte la funivia.. Per raggiungerla si può utilizzare la A24 che collega Roma a Teramo, uscita San Gabriele - Colledara, si prende la SP 491 fino a Montorio al Vomano da cui intraprendiamo la SS 80 del Gran Sasso verso L'Aquila fino al bivio segnalato per Prati di Tivo. Per chi giungesse da Roma, si potrebbe preferire risalire da Campo Imperatore e intraprendere un itinerario differente.

Presa la funivia da Prati di Tivo in direzione Madonnina, si inizia a salire fino a un bivio che  offre 2 scelte:

  • a sinistra si prendono le indicazioni per il Rifugio Franchetti per poi proseguire fino alla Sella dei Due Corni (2h 15' dalla funivia) e poi discendere il Vallone dei Ginepri fino ad aggirare uno spigolo basale dove troveremo l'attacco della via ferrata (2h 45' dalla funivia),
  • oppure, come suggeriamo, tenere la destra e seguire il sentierino a mezzacosta che condurrà al Sentiero Attrezzato Ventricini . Terminato il sentiero Ventricini (2h dalla funivia), si giunge a un bivio non segnalato in cui a sinistra sale la via normale per il Corno Piccolo mentre si prosegue dritti lungo una salita ripida e sdrucciolevole. Si nota quindi  una scritta sulla roccia a fianco di una targhetta metallica che  conduce all'attacco della ferrata (2h 15' dalla funivia).

La Ferrata Danesi risale subito un ripido sentiero su fondo ghiaioso e sdrucciolevole che conduce a una serie di sali scendi che portano all'inizio della ferrata. La ferrata risale una serie di ripidi canali rocciosi con l'ausilio sia di cavo che di scalette talvolta piuttosto esposte. In molti punti la ferrata è piacevolmente arrampicabile con tratti che generalmente sono sul II grado ad eccezione di un paio di passaggi. Nel 2019, la via ferrata è stata ammodernata.

Vecchio tracciato (dismesso):

Nel vecchio tracciato si giungeva quindi dopo poco al "buco" (passaggio chiave) in cui è necessario togliere lo zaino (può risultare utile un rinvio o fettuccia per attaccarlo all'imbraco). Questo buco era un sasso incastrato che non facilitava la progressione in un tratto in cui le rocce sono lisce. Lo si passa più agilmente dal lato interno rispetto all'esposto lato esterno. Dopo il "buco" si affronta un altro tratto di roccette e poi giungeremo alla forcella che ci separa dalla vetta del Corno Piccolo. Si scendono alcuni metri sull'esposto versante opposto e si risale un particolare passaggio in una fessura tra due massi. Giunti a un terrazzino iniziano nuovamente le attrezzature metalliche con cui risaliamo alcune fessure dopo le quali termina il cavo.

Nuovo tracciato:

Non si entra più nel caratteristico buco ma si sale su placca appoggiata a sinistra che ci conduce sulle roccette, precedentemente non attrezzate, ma ora protette. Si scende alcuni metri sul versante opposto e si risale un passaggio tra due massi incastrati dopo il quale terminano le attrezzature.

Si percorrono alcuni metri in piano attraversando alcuni risalti rocciosi giungendo a un intaglio nella roccia che si supera con l'ausilio di una corda fissa. Al termine del cavo abbiamo gli ultimi metri in diagonale si giunge sulla vetta del Corno Piccolo (1h dall'attacco - 3h 15' dalla funivia).

La discesa avviene per la ripida via normale che richiede particolare attenzione avendo passaggi di I e II grado non protetti (45' dal termine della Ferrata Danesi). Si ripercorre a ritrovo la via dell'andata incluso il sentiero Ventricini e si giunge alla funivia (2h 30' dal termine della ferrata - 5h 45' totali).

La Ferrata Danesi è di media difficoltà fatta eccezione per un paio di passaggi con livello di difficoltà maggiore (ad esempio il "buco"). Un aspetto sicuramente da non sottovalutare è l'ambiente alpino in cui si sale e soprattutto si scende (via normale). Sono richiesti passo fermo, assenza di vertigini e alcuni passaggi di disarrampicata sprotetti quindi assolutamente sconsigliato in caso di tempo incerto. Detto questo, l'ascesa al Corno Piccolo è una delle escursioni più belle, appaganti e coinvolgenti che si possano fare in tutto l'arco appenninico.

La Ferrata Danesi è il naturale proseguo del Sentiero Attrezzato Ventricini. Un'interessante opzione è di risalire il vallone dove si discende la via normale fino alla Sella dei due Corni (45' dal termine della discesa dalla via normale) e ridiscendere fino al rifugio Franchetti. Da li si stacca sulla destra una traccia che taglia il ghiaione scendendo verso il vallone delle Cornacchie e in breve all'attacco della Ferrata Ricci al Corno Grande. Completato l'itinerario è possibile far rientro con un tour ad anello alla funivia e quindi al parcheggio. Valutare l'opzione di pernottare al rifugio Franchetti data la lunghezza dell'escursione completa. Se si volesse raggiungere il versante sud del Corno Grande si può utilizzare la Ferrata Brizio e da lì raggiungere il Bivacco Bafile con l'omonima Ferrata. Sul versante sud del massiccio si incontra anche il magnifico Sentiero del Centenario e la Ferrata Famigliari.

L.T. 12-02-2021

tratto da https://www.ferrate365.it/ - cc-by-nc-nd

foto di giulio mattiozzi

Classificazione: Escursionisti Esperti con Attrezzatura alpinistica

Lunghezza Km: 6,4

Durata: 5,45

Praticabile in: Autunno Inverno Primavera Estate

Punto di Partenza: Prati di Tivo

Punto di Arrivo: Vetta del Corno Piccolo

Coordinate GPX: percorso044_ferrata-danesi.gpx
Richiedi informazioni per questo itinerario
CAPTCHA Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici. CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

Proposte di Viaggio, Itinerari & Idee

Che decidiate di trascorrere nella nostra regione solo un weekend o un'intera vacanza, troverete qui spunti e suggestioni sui luoghi, le attività, i borghi e i percorsi più affascinanti per scoprire l'Abruzzo più autentico!