Salta al contenuto principale
x
Aventino palena

Fiume Aventino

0
0

Il fiume Aventino, limpido e trasparente, per il suo carattere torrentizio, è un'importante palestra  per la pratica del torrentismo, del rafting, del kayak .

La sua portata cambia a seconda del periodo, per cui la stagione migliore per navigarlo è quella tardo primaverile ed estiva.

Il torrentismo è praticato tra giugno e fine ottobre saltando cascate e nuotando nelle pozze lungo un tratto lungo circa 1 km nel Fiume Aventino nel comune di Palena, frequentatissimo da connazionali e stranieri, con un salto dai 3, 5 e 8 metri adatto anche ai ragazzi da 10 anni in su con l'assistenza di guide e operatori specializzati.

Nella parte bassa, con la corrente meno incisiva si pratica il kayak. 

Daini, scoiattoli, caprioli, aironi, lontre vivono lungo le sue rive in paesaggi di grande bellezza caratterizzato da una natura incontaminata e a tratti selvaggia. Comodi sentieri conducono ai punti di accesso al fiume, spesso facilmente raggiungibili anche in auto.

Il fiume Aventino nasce sul versante nord-orientale del Monte Porrara, dal gruppo di Sorgenti di Capo di Fiume nel territorio comunale di Palena, in provincia di Chieti e attraversa il Parco Nazionale della Majella, scorrendo per circa 45 km. Nel suo percorso tocca i comuni di Lettopalena, Taranta Peligna, Colledimacine, Lama dei Peligni, Gessopalena, Civitella Messer Raimondo e Casoli per sfociare nelle acque del Sangro, il secondo fiume in Abruzzo per lunghezza. Grazie all’intervento dell’uomo, le sue acque confluiscono nel Lago artificiale Sant’Angelo (detto anche di Casoli). Tra i corsi d'acqua che raccoglie anche quello del Verde, le cui acque sono ingrediente della pasta  a Fara San Martino. 

L.T. 04-03-2021

42.1218455, 14.3687417