Salta al contenuto principale
x
lago di barrea

Il lago di Barrea tra le montagne più belle del Parco Nazionale d'Abruzzo

0
0

Nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, tra le montagne più belle del Parco, si trova il Lago di Barrea.

Su di esso affacciano tre deliziosi borghi: Barrea, Villetta Barrea e Civitella Alfedena.

Realizzato artificialmente nel 1950, mediante lo sbarramento del fiume Sangro, ha una lunghezza di circa 5 km e una larghezza media di 500 m.

Notevole è la presenza di avifauna: aironi, garzette, germani, cavalieri d’Italia, gallinelle d’acqua, martin pescatori e numerose altre specie. In qualunque stagione dell’anno è il luogo ideale per vivere in armonia con la natura incontaminata in un ambiente salubre e suggestivo.

Lungo le sponde del lago ci sono percorsi pedonali e ciclabili per chi vuole fare un po’ di moto: è possibile trovare panchine, aree di sosta e un punto ristoro con una piccola spiaggia, chiamato “La Gravara”: un luogo ideale per fare il bagno, prendere il sole o fare un giro in pedalò.

Una divertente visita in famiglia al Museo del Lupo Appenninico di Civitella Alfedena, può rappresentare un punto di partenza per una bella escursione ci porta fino al lago, scendendo un brevissimo tratto della S. P. che va a Villetta Barrea e imboccando il sentiero  (I3) sulla destra, all’ingresso della pineta.

Si prosegue a sinistra della tabella verde, in discesa, sullo stradone erboso. Si continua in discesa piegando a destra, entrando in un bosco misto, dove è possibile vedere anche lo scoiattolo meridionale. Arrivati nella parte bassa, oltrepassato il piccolo depuratore del paese, il sentiero devia a destra per finire subito sulla strada provinciale (2).

Poco più giù, prima di raggiungere l’estremità meridionale del ponte, si cambia direzione accedendo dentro un ampio parcheggio posto sulla destra. Superata la sbarra si prosegue lungo la sterrata che costeggia tutto il bacino artificiale. Raggiunto Colle Ciglio (3) (piccola elevazione con pineta), la sterrata continua in discesa fino a raggiungere l’ingresso di un campeggio sulla destra. Da qui, percorsi circa 300 metri, per rendere il percorso meno monotono, si cambia direzione su una sterrata secondaria a sinistra. Superato un secondo ristoro, in leggera discesa, la stradina traversa un largo torrente (4) e, costeggiando poi il lago, sale all’ingresso della parte bassa del paese di Barrea (5).

Si consiglia la visita del borgo medievale arroccato su uno sperone a 1066 metri che si affaccia sull'omonimo lago artificiale. Il ritorno sullo stesso percorso.

Lago di Barrea (By Domenico Nardone from Roma / Avezzano, Italy (La leggenda dei monti naviganti -3-) [CC BY-SA 2.0