Salta al contenuto principale
x
L'Abruzzo slow dal cuore del piccolo borgo di Sante Marie

L'Abruzzo slow dal cuore del piccolo borgo di Sante Marie

0
0

l progetto 5 sensi è dedicato agli amanti del turismo lento e consapevole, per gli appassionati del trekking ma anche per i bikers. Un viaggio esperienziale che attraversa tatto, vista, udito, olfatto e gusto, all’insegna della valorizzazione dei cicli delle stagioni, dei ritmi scanditi dalle feste popolari e delle radicate tradizioni religiose e spirituali" . 

Ne rappresenta il cuore il piccolo borgo di Sante Marie, circondato da boschi di castagno e da una terra generosa, dove spuntano tartufi e funghi come il pregiato porcino, doni dei boschi che in estate rappresentano l'anima della Sagra che si svolge a Castelvecchio di Sante Marie dove vengono proposti piatti antichi come le fettuccine a jo Fugno, e i  Cici co jo Fugno. 

In ottobre gli appassionati della Moutain Bike accorrono in gran numero per partecipare alla Cicloturistica della Castagna che partendo da Sante Marie si addentra nella Valle Macina, nei castagneti di Castel Vecchio, sulle antiche strade come la Reate  Alba-Fucens di epoca preromana, la strada degli Equi, ampi tratti del Sentiero dei Briganti e del Sentiero Corradino, 5 bellissimi borghi, ben 9 fonti naturali, un suggestivo attraversamento della corte del Castello di Scanzano con ristoro con figuranti medievali, il tratto panoramico di Tubione,

In novembre il borgo si anima con la Sagra della castagna e il Festival del Saltarello, ballo tradizionale di coppia ancora vivo in molti borghi della regione in un'atmosfera incantata e gioiosa dove l'emozione passa anche per una fetta di castagnaccio e un buon bicchiere di vino rosso. Durante la sagra viene allestito il "Villaggio della castagna", un percorso eno-gastronomico tra le cantine e le osterie del centro storico. Laboratori di cucina, mercatini d'artigianato, giochi popolari, musica, teatro, arte contemporanea e spettacoli danzanti animano il borgo nella Giornata Nazionale dei Borghi Autentici. Frequenti le mostre e le escursioni di pittura en plein air  negli angoli più caratteristici del borgo.

Luoghi inaspettati e per questo ancora più preziosi la rendono unica come la Riserva Naturale Regionale Grotte di Luppa, che si estende all’interno del Comune di Sante Marie per una superficie di circa 435 ettari parte del progetto di sviluppo sostenibile "Appennino Parco d’Europa", caratterizzata dalla presenza di estesi boschi, perlopiù castagneti,  che hanno permesso al  Comune di Sante Marie di far parte dell’Associazione Nazionale Città del Castagno.  Nella Riserva passa  il "Sentiero enogastronomico della Castagna" , un percorso segnalato da pannelli informativi attraverso i castagneti e le tradizioni locali artigianali ed enogastronomiche ad essi storicamente legate. Al suo interno si trova la Grotta della Luppa, meta di speleologi esperti, che si può visitare con l'ausilio di una guida, chiamato anche "inghiottitoio", a circa 1315 m s.l.m. che si raggiunge agevolmente, in circa 15 minuti, seguendo il greto del fiume all'interno dello scenario naturale incontaminato del bosco di Luppa, a nord del monte Guardia d'Orlando, popolato di castagni, faggi, aceri e noccioli e riparo di molti uccelli come l'upupa, la ghiandaia, la poiana. La Riserva è attrezzata con panche, tavoli, punti fuoco e pannelli didattici che illustrano le caratteristiche morfologiche e vegetazionali dell’area.

Da Sante Maria parte Il Cammino dei Briganti, così denominato in quanto le zone attraversate, situate al confine del Regno delle Due Sicilie con lo Stato Pontificio, videro una forte resistenza contro il nuovo dominio piemontese prima e dopo l'Unità d'Italia, raccontata nella Mostra-Museo sul brigantaggio che  illustra con documenti, foto, lettere e armi d’epoca il fenomeno che caratterizzò il passato della zona. 

Il progetto di turismo esperienziale "5 sensi"redatto dalla Cooperativa Sette Borghi di Sante Marie ha come obiettivo uno sviluppo territoriale rispettoso delle tradizioni che diventano vere e proprie opportunità per l'intero territorio comunale di Sante Marie al fine di rafforzare la ricettività del territorio e la promozione dei prodotti tipici, legati alla tradizione agricola e gastronomica,l'allestimento di laboratori per la trasformazione dei prodotti locali, punti degustazione e ristoro e si svilupperà nella terra del Cammino dei Briganti e lungo lo storico sentiero Corradino, riattivato con lavori di manutenzione, segnaletica e cartellonistica, a San Giovanni e Valle dei Varri attraversati da centinaia di camminatori.

All'interno del progetto la cooperativa di comunità Sette Borghi collabora  con il Comune di Sante Marie, la Riserva Grotte di Luppa, Ada Abruzzo, l’Associazione folkloristica Briganti di Cartore, l’Associazione anziani di Sante Marie e l’Associazione culturale San Martino di Castelvecchio, le guide escursionistiche abilitate, le Pro Loco di Sante Marie, di Val de’ Varri e di Santo Stefano, aziende agricole e agriturismi del territorio.

Tutte le attività sono organizzate dalla cooperativa di comunità “Sette borghi” e sono gratuite. Per informazioni è possibile contattare i numeri 3397731850- 3500250784 o consultare la pagina facebook Cooperativa Sette Borghi.

350 025 0784

setteborghicooperativa@gmail.com

L. Toppeta 27-09-2022 .

 

42.1278379, 13.2086442