Salta al contenuto principale
x

L'Apocalisse di San Pietro ad Oratorium

Il ciclo di affreschi di S. Pietro ad Oratorium a Capestrano (Aq) può considerarsi il punto di partenza della storia della pittura medievale abruzzese.

Il ciclo, tipico della tradizione romanica, è ispirato ad un passo dell'Apocalisse (Ap. 19,4). Spicca la figura di Cristo in maestà circondato dai simboli degli Evangelisti sotto i quali si si trovano i ventiquattro vegliardi dell'Apocalisse che offrono al Redentore coppe d'oro, "colme di profumi, che sono le preghiere dei santi" (Ap. 5,8).

La figura del Cristo benedicente, nella parete sopra l'abside, sta seduta sul trono gemmato e mostra nella mano sinistra il libro con i versi "ego sum primus et ultimus", ovvero "Io sono l' Alfa e l Omega", il principio e la fine. Nella parte superiore  era certamente raffigurata una scena di cui rimangono visibili pochi frammenti delle figure di Cristo, S. Pietro e S. Paolo. Sei Santi benedettini, con la tipica tonsura e il codice contenente la Regola sono inseriti in nicchie dipinte, con arcatelle, colonnine e capitelli anch'essi dipinti, che incorniciano finti vani.

Gli affreschi sono ritenuti databili al XII secolo, cioè nell'ambito dei lavori di ricostruzione della vecchia chiesa longobarda, ricordati anche nell'iscrizione dell'architrave del portale d'ingresso.Le pitture murali di Capestrano sono influenzate dall' "arte beneventana", che ha caratterizzato l'Italia meridionale nel passaggio dall'Alto al Basso Medioevo, commissionate da Desiderio, Abate di Montecassino dal 1508, caratterizzate dall''iconografia bizantina del Cristo, seduto in maestà tra i simboli degli evangelisti e   dai contorni delle figure con profili accentuati per delineare con forza i tratti del volto, gli occhi e i nasi in particolare, ma anche per segnare vesti e panneggi.  I colori degli affreschi vanno dall'ocra al rosso  interrotti solo dalle barbe bianche dei vegliardi.

Un affresco simile si trova nell'abbazia di S. Angelo in Formis (CE) e in ciò che resta degli affreschi dell' XI-XII secolo dell'abbazia di S. Vincenzo al Volturno, casa madre del monastero di Capestrano

 

San Pietro ad Oratorium

L. Toppeta 20-11-2020

foto 1 - di G.Lattanzi  Capestrano, Chiesa di S.Pietro ad Oratorium, parete sopra l'abside, Cristo tra i simboli degli Evangelisti

foto 2 di G.Lattanzi  Capestrano, Chiesa di S.Pietro ad Oratorium, parete sopra l'abside, particolare dei Vegliardi

foto 3 di G.Lattanzi - Capestrano, Chiesa di S.Pietro ad Oratorium, abside, santi benedettini

foto 4 di G.Lattanzi  Capestrano, Chiesa di S.Pietro ad Oratorium, parete sopra l'abside, Cristo tra i simboli degli Evangelisti

42.2466667, 13.8062535