Salta al contenuto principale
x
pietra della majella
scalpellini
Pietra majella
scalpellino

L'arte della pietra in Abruzzo: gli scalpellini

0
0

Il "Giardino degli scalpellini" ospiterà i capolavori di tenera pietra della Maiella di scultori nazionali ed internazionali.

”Dieci giornate in pietra”  è una manifestazione di rilievo internazionale che quest'anno, come nelle scorse edizioni, vedrà la partecipazione cinque scultori internazionali e tre scalpellini locali le cui opere, dedicate all'Abruzzo saranno inserite in un giardino dedicato ai maestri della pietra. Scultori di fama internazionale come il giapponese Minamoto hanno preso parte alle edizioni passate sin dal 1997.

Il tema scelto per l'edizione 2020 è ‘Ricchezza e lavorazione della pietra’. Spettacoli teatrali, concerti, convegni, memoriali, escursioni, eventi formativi farannno da corollario all'evento. Direttore artistico Stefano Faccini.

L'evento è patrocinato e finanziato dalla Regione Abruzzo, dall'Amministrazione comunale e dalla Proloco Tholos ed è riconosciuta di alto interesse culturale da parte della Presidenza della Repubblica.

Con l’ausilio della Fondazione “Lettomanoppello Città della Pietra” si progetta di dare continuità all'evento per l'intero anno, attraverso eventi mirati, progettati per sviluppare un enorme potenziale a livello culturale, turistico, economico che il prezioso artigianato artistico della lavorazione della pietra può fiorire nel territorio e nell'intera regione.

Sede della manifestazione, che si svolgerà dal dal 6 al 13 settembre 2020, il comune di Lettomanoppello (Pe), da secoli considerata la capitale degli scalpellini, dove ancora vivono le botteghe che che fanno riferimento alla tradizione, sia nello stile che nelle tecniche di lavoro e vivono una nuova stagione legata anche alla creazione di complementi d'arredo in pietra, come caminetti, bassorilievi, portalampade, sculture. Diversi sono i laboratori dove viene lavorata  la tenera pietra della Maiella ispirandosi al passato con uno sguardo verso la scultura moderna.

L'arte dello scalpellino ha prodotto in Abruzzo opere di rilievo già dal Medioevo, epoca di splendida fioritura della lavorazione artistica della pietra. Il lavoro del maestro scalpellino richiedeva in passato competenze diverse, dal coordinamento della squadra di muratori addetti alla "sbozzatura" dei blocchi fino alla rifinitura e all'intaglio delle pietre migliori per ricavarne cornici, portali, rosoni, architravi, balconi decorati con foglie, fiori, stemmi, mascheroni, ma anche attrezzature per il lavoro agricolo e domestico come pozzi, macine da grani, vasche per la pigiatura dell'uva, orci, mortai, pesi da telaio.

A Lettomanoppello le “dieci giornate in pietra” dal 6 al 13 settembre 2020
La manifestazione è riconosciuta e finanziata dalla Regione Abruzzo con L.R. n. 01 del 09 Gennaio 2010, dichiarata manifestazione ad alto interesse culturale dal Presidente della Repubblica. Direttore artistico è lo scultore Stefano Faccini.

Per info e contatti: 3200760123 - 3286444833 - 10giornateinpietra@gmail.com - stefanofaccini76@gmail.com

 

L.Toppeta. 26-08-2020

 

foto di Stefano Faccini

42.2361439, 14.0361527