Salta al contenuto principale
x
Non solo bike.. in famiglia alla Cicloturistica della Castagna nello splendido borgo di Sante Marie

Non solo bike.. in famiglia alla Cicloturistica della Castagna nello splendido borgo di Sante Marie

0
0

Habitat naturali di interesse comunitario e potenti attrattori turistici, le foreste di castagno si popoleranno di bikers, "passeggiatori" e appassionati delle incantevoli architetture naturali del sottobosco.

Il borgo di Sante Marie si anima per accogliere la XI edizione della Cicloturistica della Castagna, organizzata dalla Asd Sport Emotion, in collaborazione con il Comune di Sante Marie e la Pro Loco. Tre i percorsi a disposizione con diversi livelli di difficoltà, che si addentrano nella Valle Macina, nei Castagneti di Castel Vecchio, sulle antiche strade come la Reate  Alba-Fucens di epoca preromana, la via degli Equi (400 AC)  percorrendo ampi tratti del Sentiero dei Briganti e del Sentiero Corradino e attraversando 5 bellissimi borghi, ben 9 fonti naturali, la suggestiva corte del Castello di Scanzano.

Le montagne abruzzesi sono ricche di castagneti che hanno nutrito, come una madre, i figli delle montagne d'Abruzzo, per generazioni, tanto da essere definito da Senofonte "albero del pane" perchè costituivano spesso l’unico cibo della popolazione in tempo di carestia e consumate bollite, arrostite, ridotte in farina come base della polenta in assenza di grano e di mais. Le castagne rappresentano la "virtù" e la "castità", ma anche la provvidenza. Le nonne incantano ancora i bambini con le storie delle "pantasime", vecchie streghe nascoste nei castagneti dove gli impavidi si avventuravano in cerca dei "tesori nascosti" dei briganti. Un tempo le castagne riempivano le calze della befana insieme alla frutta secca. In alcune località della valle, fino a mezzo secolo fa, nei matrimoni, invece che i confetti, cosa considerata ancora da ricchi, si lanciavano e distribuivano noci, mandorle e soprattutto castagne. Sono utilizzate per dolci, marmellate e minestre, ma soprattutto come caldarroste, le “caciole” in dialetto, cotte sulla brace, tradizionalmente accompagnate dal vino novello. Sono dette infornatelle, se cucinate nella stufa e conservate per l'inverno o remonne, se cotte in acqua, con un foglia di alloro e sbucciate fresche (da "remonnare" che in dialetto indica lo "sbucciare"). La sua raccolta, rimasta inalterata nel corso degli anni, comincia in settembre con le operazioni di pulitura del bosco e a metà ottobre si effettua a mano in maniera tradizionale, raccogliendo i frutti nei cesti, detti "canistri", realizzati con giunchi di vimini.

Sante Marie, a 850 metri di altitudine, a nord-ovest nella val de' Varri, circondato dai rilievi dell'Appennino abruzzese, è un piccolo borgo, adagiato in un territorio di grande bellezza e ricchezza culturale, artistica e gastronomica, circondato da boschi di castagno e da una terra generosa. La sua tradizione gastronomica conta su ingredienti di ottima qualità, in particolare castagne, funghi e tartufi, doni dei boschi. Fa parte dei Borghi Autentici d'Italia, dell'Associazione Nazionale Città del Castagno, dell'Associazione Nazionale Città delle Grotte, dell'Associazione Nazionale Città del Tartufo.

La Cicloturistica non è solo una competizione, ma un viaggio da fare in famiglia, dentro i colori, i sapori e le bellezze del territorio. Gli accompagnatori si ritroveranno presso la grande panchina, che fa parte della Big Bench Community Project, alta tre metri e realizzata in ferro e legno dipinto di giallo, dalla quale poter ammirare un panorama straordinario che si trova nella Riserva naturale Grotte di Luppa che fa parte del progetto di sviluppo sostenibile "Appennino Parco d’Europa" ed è caratterizzata dalla presenza di estesi boschi, perlopiù castagneti, tra i quali si snoda il  il "Sentiero enogastronomico della Castagna", segnalato da pannelli informativi che raccontano  tradizioni locali artigianali ed enogastronomiche  storicamente legate alle castagne. Dal Sentiero principale si può imboccare il percorso che, da Fonte Lattero conduce al grazioso borgo di Tremonti, passando per la Chiesetta degli Alpini. All'interno della Riserva si trova la Grotta della Luppa, meta di speleologi esperti, che si può visitare con l'ausilio di una guida, chiamato anche "inghiottitoio", a circa 1315 m s.l.m. che si raggiunge agevolmente, in circa 15 minuti, seguendo il greto del fiume all'interno dello scenario naturale incontaminato del bosco di Luppa, a nord del monte Guardia d'Orlando, popolato di castagni, faggi, aceri e noccioli e riparo di molti uccelli come l'upupa, la ghiandaia, la poiana. La visita guidata condurrà grandi e piccini verso la caratteristica chiesetta medievale di San Quirico e le sale del Museo del Brigantaggio e dell’Unità d’Italia dove osservare da vicino tutti gli aspetti del periodo pre e post unitario, attraverso gli abiti dell’epoca,  gli armamenti, i documenti, le foto, le lettere che narrano della cattura del brigante Josè Borjes, generale catalano mandato in Italia per riportare sul trono Francesco II, l'8 dicembre 1861, a Casale Mastroddi, alle porte di Sante Marie. E' prevista una visita alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie, edificata nel XVI secolo che presenta all'interno altari in stile barocco, una statua della Madonna in terracotta policroma del Cinquecento e un organo del XVIII secolo. Più di 50 i murales di artisti internazionali che si potranno ammirare nel centro storico e nelle frazioni limitrofe.

Un weekend all'insegna dello sport, della natura e della convivialità da sabato 22 ottobre in cui ci saranno 2 sessioni di scuola mountain bike mattina e pomeriggio per ragazzi 8-13 anni, shopping area in piazza, cena con un menu di piatti tipici e accompagnamento musicale. Domenica 23 ottobre la partenza sarà in piazza Aldo Moro nel cuore di Sante Marie alle 9.30. Tre i percorsi: una full da 40km, una Full da 30km e una Family da 16km. Per la pedalata della domenica saranno proposti ristori e assistenza sui percorsi, bike parking e stazione di lavaggio bici. Al termine della pedalata è previsto un pranzo per biker e accompagnatori. Diverse sono le proposte per il pernottamento presenti nel sito web, oltre alle proposte di noleggio bike e e-bike.

Alla Cicloturistica seguirà l'attesa Sagra della castagna e il Festival del Saltarello, ballo tradizionale di coppia ancora vivo in molti borghi della regione in un'atmosfera incantata e gioiosa dove l'emozione passa anche per una fetta di castagnaccio e un buon bicchiere di vino rosso. Durante la sagra viene allestito il "Villaggio della castagna", un percorso eno-gastronomico tra le cantine e le osterie del centro storico con laboratori di cucina, mercatini d'artigianato, giochi popolari, musica, teatro, arte contemporanea e spettacoli danzanti, mostre ed escursioni di pittura en plein air negli angoli più caratteristici del borgo.

 

Scheda dettagliata evento 

Organizzazione Cicloturistica della Castagna

Tel : +39 335 6849851  /  +39 334 2747801

Programma della XI Edizione

INFORMAZIONI E ORGANIZZAZIONE:
Asd Sport Emotion
Tel. 335 6849 851 Tel. 334 2747801
e-mail: presidente@asdsportemotion.com  

 

Laura Toppeta 28-09-2022

 

42.1278379, 13.2086442