Salta al contenuto principale
x

Non solo vino... la birra artigianale in Abruzzo

La birra è la bevanda "social" per eccellenza, è cultura e tradizione, protagonista di sagre, eventi e convivi e di una consolidata e apprezzata produzione artigianale in Abruzzo.

Probabilmente è la bevanda più antica e più consumata nel mondo. Ne troviamo cenno addirittura nel Codice di Hammurabi che ne regola la produzione e, al pari di Bacco per il buon vino, Ninkasi, la signora che prepara birra è l'antica divinità sumera, patrona della birra. Suo padre era Enki, dio dell'acqua e la leggenda vuole che sia nata da "una fresca acqua frizzante"

L'Abruzzo è tra le regioni con la maggior presenza di birrifici artigianali, spesso gestiti da donne, che vantano un'eccellente produzione, una particolare attenzione all’impatto ambientale e numerosi riconoscimenti nazionali ed internazionali. Presidi di elevata qualità organolettica come il grano solina biologico, presidio Slow Food, il purissimo zafferano aquilanofrutta a pasta arancio come la pesca o l'albicocca, mosto d'uva, mieli dell'Appennino, acqua sorgiva del Gran Sasso e della Majella, sono utilizzati per la produzione della birra.

La birra artigianale Abruzzo nasce nel cuore delle colline abruzzesi nel 2003 ad opera di Jurij Ferri, grazie all'incontro con di un un gruppo di frati, nei locali di  un ex mandorlificio, dove le donne pelavano le mandorle impiegate per la produzione dei famosi confetti di Sulmona.

Slow Food, ha premiato alcune tra le migliori birre artigianali abruzzesi, attribuiti nella Guida alle Birre d’Italia 2015, conferendo per la prima volta a una birra abruzzese la Chiocciola Slow Food il massimo riconoscimento per la qualità e la costanza delle loro birre, per il ruolo svolto nel settore birraio nazionale, per l’attenzione al territorio e all’ambiente” . Assegnato a diversi birrifici abruzzesi il riconoscimento della “Bottiglia”, simbolo per le birre di qualità da assaggiare preferibilmente in bottiglia, di   di “Grande birra” per il grande valore organolettico, “Birra quotidiana” che premia birre di qualità semplice e piacevole e “Birra Slow”  per birre d'eccellenza che emozionano e raccontano la storia del territorio e del birrificio. In totale sono state 16 le recensioni di birrifici abruzzesi. Nella Guida Birre d’Italia 2017 sono segnalati 3 birrifici e 4 birre ed è stata premiata da Slow Food la Farrotta, birra chiara con un’alta percentuale di farro bio.

Nel 2020 4 medaglie (2 d’Oro, una d’Argento e una di Bronzo) una medaglia di bronzo e diverse menzioni speciali sono state conquistate dai birrai abruzzesi al al Beer & Food Attraction di Rimini.

Per gli amatori e gli esperti del settore si svolge ogni anno in estate Fermenti d’Abruzzo, il Festival delle birre artigianali abruzzesi: 4 giorni di programma, 60 i tipi di birre in degustazione, workshop, degustazioni, competizioni e persino gite in barca.

L.T. 26-06-2020
foto di Nicola- cc-by-2.0