Salta al contenuto principale
x
Pane nobile di Guardiagrele

Pane nobile di Guardiagrele

0
0

Il prodotto: è un pane nobile dal caratteristico profumo speziato la cui antica ricetta affonda le radici nel Medioevo.

Il pane viene prodotto sia a forma di filone che di pagnotta, con pesi di 500 g o di 1 kg. La crosta esternamente è di colore nocciola ambrato con lievi incisioni in superficie, al taglio non manifesta sbriciolature, la mollica è morbida e spugnosa con occhiatura regolare. Si conserva in sacchetti di carta o stoffa per circa quattro giorni, durante i quali il pane mantiene inalterati gusto e morbidezza.

Come si prepara: per l’impasto si utilizza una complessa miscela di farine tipo ‘00’, integrale, di mais, avena, orzo, miglio e segale, con semi di sesamo, olio extravergine di oliva, formaggio, acqua, sale, lievito madre e una piccola quantità di lievito di birra. La lavorazione ha avvio la sera tardi miscelando e impastando a mano le varie farine, il lievito, acqua, sale, formaggio e olio. Si lascia lievitare fino al mattino successivo, poi si procede a lavorare la massa e a dare la forma. Il pane lievita ancora per circa trenta minuti e si inforna a 200°C per circa un’ora e venti minuti.

Dove si produce: Le zone interessate alla sua produzione sono quelle pedemontane di Bocca di Valle e di Guardiagrele.

Storia: La tradizione orale tramandata dagli anziani e l’impiego di alcune farine che rientrano nella miscela, ne attestano le antiche origini. La sua caratteristica risiedeva allora come oggi nel suo essere particolarmente sostanzioso e di lunga conservazione. Per questo motivo era molto apprezzato e consumato dalle popolazioni delle zone pedemontane, dedite all’attività di carbonai, costrette al duro lavoro nei boschi e alle lunghe assenze dai centri abitati.

Fa parte di: Prodotti agroalimentari tradizionali (PAT)

L.T. 14-05-2020

 

42.1898146, 14.2199462