Salta al contenuto principale
x
onoterapia abruzzo

A passo d'asino: la nuova frontiera dell'Abruzzo slow

0
0

La leggenda racconta che l'asino ricevette in Paradiso il dono del muso bianco per la sua pazienza e la sua resistenza.

Apuleio, nelle sue “Metamorfosi” (o “L'Asino d'Oro"), racconta delle prove che il protagonista trasformato in un asino deve superare e comprendere per ritrovare saggezza e consapevolezza. Ed è il suo essere asino che gli fornisce gli strumenti per diventare un uomo nuovo.

Nella tradizione e nella simbologia l'asino assume le più differenti anime: dal santo al demonio, da messaggero degli inferi a destriero di dei e guerrieri. E' un asino che scalda Gesù, lo salva conducendolo in Egitto, lo trasporta al suo ingresso trionfante a Gerusalemme.

Da secoli simbolo della vita agreste, amico devoto dell'uomo e della terra, l'asino è tornato protagonista nel turismo green, sostenibile, sociale, lento  e motore di nuove fiorenti produzioni alimentari e cosmetiche derivate dal suo latte da secoli utilizzato per sostenere la nutrizione dei neonati e la bellezza  narrato dalle cronache di vita quotidiana di famose donne del passato come Cleopatra o Poppea.

L'asino è a suo agio con i bambini, è a loro misura, è affettuoso, lento ed attento, è soffice e invita all'abbraccio.

Trekking someggiato (escursioni in montagna in compagnia dell’asino) asineggio (maneggio fatto con l’asino per gruppi di ragazzi), onoterapia rappresentano la nuova frontiera dell'Abruzzo green. Negli ultimi anni si sono moltiplicate le richieste, soprattutto nel turismo familiare, di vivere esperienze a contatto con la natura a dorso d'asino nelle fattorie didattiche e centri di educazione ambientale che si dedicano con passione all'onoturismo, rivolto al benessere di bambini, adulti e anziani, famiglie, scuole, associazioni attraverso attività didattiche, artistiche e manuali.

L' Associazione no profit Donkeysciotte che opera a Borrello (Ch) nello splendido scenario della Riserva Naturale Regionale “Cascate del Rio Verde” con Stani, maschio bianco pezzato, Genziana, femmina bianca e grigia con la croce sulla schiena, Titanino organizzano passeggiate con asini nel bosco e nel paese,  Interventi Assistiti con gli Animali e partecipano a rievocazioni storiche. 

Nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga in Abruzzo, Chiara e Luigi, dell'Associazione Gira e Rigira organizzano trekking someggiati per bambini e famiglie dedicato anche ai piccolissimi. Si parte dal Giardino degli Asinelli nei pressi del laghetto di Santo Stefano di Sessanio. Oltre alle escursioni semplici sono proposte  iniziative tematiche ed escursioni narrate. Gli asini sono addestrati per interagire anche con persone con disabilità fisica o psichica. 

Nella Val  Fondillo  a Opi (Aq) il percorso trekking onoterapia  si  snoda per  una  lunghezza  di  circa  650 m,  nelle immediate adiacenze del  fiume  Sangro  e  del  Centro Educativo  Sportivo  Ambientale, realizzato nell'ambito del progetto “Onoterapia  -  Un asino per amico"  finalizzato a creare condizioni di fruibilità per i portatori di handicap ed ha lo scopo di sperimentare, in un’area protetta, una terapia che in Francia, Stati Uniti e Inghilterra è applicata con grande successo. Sfruttando  le caratteristiche  fisiche e  comportamentali  dell’asino  è possibile offrire  preziosi servizi a  favore  di persone colpite da handicap, con risultati che compaiono velocemente attraverso un  tipo  di  rapporto rassicurante,  che  supera  lo stress continuo  della valutazione,  del giudizio, della contraddizione. Si  favoriscono  le  esperienze  che danno  stimoli  e  motivazioni  al disabile,  incidendo  su reazioni fisiologiche misurabili,  offrendo, al  contempo  un  diverso  polo  di interesse utile a far crollare le barriere del  non avvicinamento  e  della  non comunicazione. ll percorso  trekking  è  stato interamente realizzato con materiali ecocompatibili, al  fine  di  rendere minimo  l’impatto  ambientale e  di  preservare  le peculiarità paesaggistiche.

Asinomania a  Introdacqua (AQ) è nel cuore dell’Abruzzo al centro di quattro Parchi naturali: Parco Nazionale D’Abruzzo, Parco della Maiella, Parco del Velino Sirente, Parco del Gran Sasso e persegue lo scopo di scongiurare la scomparsa dell’asino proponendone la diffusione su tutto il territorio nazionale. Organizza attività di formazione, terapia, trekking e ricerca su latte d’asina. Fa parte del circuito delle fattorie didattiche riconosciute dalla Regione Abruzzo, ospita classi scolastiche. Asinomania collabora anche con Rete italiana IAA che istituisce corsi di formazione in Interventi Assistiti con gli Animali;

Babalù - La Fattoria dell'Amicizia  Sant'Eusanio del Sangro (CH), centro di onoterapia riconosciuto da Regione Abruzzo, dispone di un’équipe multidisciplinare ed esperti in attività di mediazione con l’asino e organizza visite guidate per le scolaresche, asineggio, onoterapia, laboratori, percorsi didatttici e ludici volti ad approfondire l'interazione tra asini e bambini. Nella fattoria viene anche prodotto latte d’asina.

A Massa d'Albe, ai piedi del Monte Velino  e a Capestrano operano importanti aziende agricole che si dedicano alla produzione di latte d'asina, vero concentrato di benessere, valida integrazione al latte materno e il latte più povero di grassi che si possa trovare in commercio e derivati come creme e saponi che vedono aumentare di anno in anno il loro successo. Oltre all'acquisto e alla degustazione offrono la possibilità di praticare trekking someggiato e asineggio e di effettuare visite guidate. 

L.Toppeta 09-02-2021