Salta al contenuto principale
x
cascate del salinello gole del salinello

Riserva naturale Gole del Salinello - Civitella del Tronto (Te)

Nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, ai piedi dei Monti Gemelli si aprono le bellissime Gole del Salinello, riserva naturale protetta.

Le Gole del Salinello, uno dei valloni più spettacolari di tutto l’Appennino, sono attraversate dal fiume Salinello in un panorama di incontaminata bellezza e da sentieri escursionistici tra i più suggestivi ed interessanti del Parco. Da qui è possibile raggiungere l'eremo di Santa Maria Scalena, la Grotta di San Marco, la  Grotta di sant’Angelo, dove sono presenti testimonianze dell’età del bronzo e del neolitico.

Sono presenti tutti i mammiferi che vivono all'interno del parco della laga. Camminando per i sentieri è frequente incontrare tracce del passaggio di lupi, cinghiali, volpi e tassi. Le pareti delle gole offrono l'habitat naturale per la nidificazione di numerose specie di volatili, tra cui l'aquila e il corvo reale. Nelle acque del fiume vive la trota fario.

Gli accessi per arrivare alla Riserva partono da Ripe frazione del comune di Civitella del Tronto o con partenza da Macchia da Sole, nei pressi di Castel Manfrino.

L’acqua del fiume ha scavato la roccia scorrendovi con le sue acque limpide e fredde e lungo le gole dove si stringono le pareti di roccia, alte fino a duecento metri, le acque si tuffano con un salto di 35 metri nel fiume creando una piscina naturale le cui acque in estate non superano i 16 gradi. 

L'arrivo sotto la cascata del Salinello, unica presente nelle Gole, conosciuta come Cascata del Caccamo (lu Caccheme) è una meta escursionistica suggestiva in uno scenario naturale intatto attraverso un percorso non troppo impegnativo.

Un'area di sosta attrezzata per pic-nic con una fresca fontana da cui sgorga acqua freschissima, giochi per bambini un chiosco presente nella stagione estiva e una piazzola per campeggiatori sono poste all'inizio del percorso, nella frazione Ripe di Civitella.

Il sentiero è ben segnato con vernice bianco-rossa e giallo-rossa ed è consigliabile percorrerlo nel periodo maggio-giugno con scarpe adeguate, anche se non vi sono punti esposti, per la presenza di terreno scivoloso in qualche tratto. 

Itinerario

L.T. 16-03-2021

foto 1 di Libero Guerra, cc-by-2.0

foto 2 di: Przemek P, cc-by-2.0

42.7511484, 13.6221685