Salta al contenuto principale
x

Rocca Santa Maria

Dove si trova: Il borgo è situato all'interno del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga a 1073 m s.l.m.,  si estende nella zona piu' frastagliata e montuosa della Provincia di Teramo e confina con  i Comuni di Valle Castellana,di Cortino e Torricella  Sicura,  determinato su due lati dai fiumi Tordino e Castellano.

Perchè visitarlo: Rocca Santa Maria ha origini medievali ed una ricca storia da raccontare, dapprima come baluardo della resistenza borbonica alle istanze unitarie e poi quale teatro del cruento scontro che, nel 1943, vide opporsi partigiani e tedeschi nei pressi del Bosco Martese (secondo la leggenda consacrato al dio Marte ed attraversato anche da Annibale).Il Comune, composto da diverse frazioni e contrade, è ricco di verdi pascoli, di alture boscose e di sorgenti con acque limpide e pure che alimentano i torrenti Tordino e Castellano. Il Bosco Martese oggi è uno splendido bosco in cui passeggiare e ammirare la natura in tutte le sue forme e in tutti i suoi colori. Nei pressi del bosco Martese si trova la zona del Ceppo, a 1.300 metri di altitudine, nota per la raccolta dei funghi e fragole, particolarmente interessante dal punto di vista naturalistico. Il territorio è caratterizzato da numerose sorgenti che prima di raggiungere il Fiume Castellano disegnano tutta una scenografia di cascate e giochi d'acqua naturali.

Cosa vedere:

  • Ruderi della Chiesa di San Flaviano,  la Chiesa, probabilmente sorta nell'ultimo trentennio del 1200, ripropone il tema del manufatto religioso isolato rispetto all'edificato. E' sita su una cresta, in una posizione predominante e di vedetta rispetto al paese che è a qualche centinaio di metri più a valle. Il luogo di culto distaccato dal paese è una caratteristica che si ritrova anche negli altri borghi presenti nella zona.
  • Chiesa di Sant'Egidio ad Acquaratola, edificio noto sin dal 1324
  • Mulini ad acqua
  • Paesi abbandonati: Serra, Martese, Tavolero

Cosa mangiare: Nella foresta del Bosco della Martese sono presenti numerosi biotopi, erbe officinali rare, funghi di varie specie e della migliore qualità con i quali vengono preparati prelibati piatti come le tagliatelle ai funghi porcini. Abbondano, inoltre, i frutti del bosco quali fragole, mirtilli e lamponi.

https://www.roccasm.it/

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/24/Chiesa_di_San_Flaviano_%28Tavolero%29.JPG

Foto di Luciodem at it.wikipedia [CC BY (https://creativecommons.org/licenses/by/3.0)]

(AMM-21/01/2020)

 

 

Provincia: Teramo

CAP: 64010

Prefisso: 0861

Altitudine: 1073

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.6749565, 13.485862

Nell'angolo più isolato e selvaggio dei Monti della Laga (attualmente compresi nel Parco Nazionale Gran Sasso-Laga), si trova una delle sempre più rare aree di Wildreness presenti in Italia: il Bosco Martese. Si tratta di una delle perle offerte dai Monti della Laga nel versante teramano e per visitarlo occorre raggiungere il Ceppo, a circa 35 km da Teramo.