Salta al contenuto principale
x

Serramonacesca

Dove si trova: caratteristico centro collinare ai piedi dell'antico Monastero di S. Liberatore a Maiella, coronato da alte montagne boscose; nel suo territorio scorre il fiume Alento. Terra di eremi e castelli.

Perchè visitarlo: Terra di eremi e castelli il borgo di Serramonacesca offre straordinari itinerari per visitare castellli ed eremi godendo al contempo di uno scenario naturale suggestivo ed incontaminato.

Cosa vedere:

  • Chiesa di Santa Maria Assunta, al centro del paese con classica facciata in pietra. Pregevoli sono le statue di varie epoche e una tela dell'Annunciazione del '600.
  • Badia di S.Liberatore a Maiella che sorge all'interno di un suggestivo scenario naturale, immersa tra i boschi che contornano l'abitato di Serramonacesca, nei pressi del fiume Alento. Si pone fra i più significativi esempi di architettura romanica abruzzese nonché fra le più antiche chiese medievali dell'ordine benedettino cassinese.
  • Eremo di Sant'Onofrio - Nella valle dell'Orfento, attraverso il guado di Sant'Antonio, si raggiunge l'eremo di Sant'Onofrio. L'eremo viene menzionato in un documento del 1844. Molto probabilmente venne dedicato a Sant'Onofrio in ricordo del più famoso eremo celestino sito sul Morrone.
  • Castel Menardo, medioevale, costruito a difesa del Monastero. Il sentiero attraverso il bosco per raggiungere il castello è di facile percorrenza è dotato anche di un’area picnic.
  • antica torre e tracce di abitazioni sulle rocce di Colle Ciumina.
  • Resti della Torre di Polegra dell'antico fortilizio del "Castrum Polegrae".

Cosa mangiare: ravioli, gnocchi, agnello alla brace, formaggi e insaccati prodotti artigianalmente.

Sito web

(LT- 10-03-2020)

 

Provincia: Pescara

CAP: 65025

Prefisso: 0871

Altitudine: 285

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.248955, 14.0930937

È tra i più antichi monasteri benedettini abruzzesi. La sua fondazione viene fatta risalire a Carlo Magno (di cui rimane la raffigurazione in un frammento di affresco); in realtà esiste solo una falsificazione in forma di copia semplice dell'anno 798, confezionata alla metà del XII secolo.

L’eremo di Sant’Onofrio si trova a pochi km dal centro di Serramonacesca, nel Parco nazionale della Majella, a circa 725 metri di altitudine.

All'interno del Santuario di Manoppello è racchiuso, in una teca, quello che è riconosciuto come il vero Volto di Gesù Cristo. Una leggenda narra infatti che nel 1506 un pellegrino si presentò al fisico Giacomo Antonio Leonelli e gli consegnò il prezioso dono.