Salta al contenuto principale
x

Storie di geologia e uomini sulla Majella madre

Si chiama Geostories ed è un originale progetto ideato dalla geologa abruzzese Violetta De Luca.

Lanciata in occasione della XII Giornata nazionale delle Miniere promossa dall’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) lo scorso 31 maggio, l’iniziativa si prefigge di raccontare con finalità divulgative come la geologia del territorio regionale abbia influenzato la vita di uomini e donne d’Abruzzo.

Consiste in una serie di video pubblicati a cadenza periodica – indicativamente ogni 7/10 giorni – sul canale YouTube della professionista abruzzese, dedicati ad argomenti specifici e suddivisi idealmente in due parti, concentrandosi prima sui luoghi ed a seguire sui personaggi coinvolti.

Già disponibile on line, la prima puntata ha riguardato “La Majella Nera” spiegando il perché della presenza del bitume in questa determinata zona dell’Abruzzo montano, descrivendo le Miniere dell’Acquafredda nel comune di Roccamorice (PE), parte dell’ampio bacino minerario della Majella Settentrionale, studiato a livello mondiale in quanto vasto serbatoio affiorante di idrocarburi. A seguire, la seconda puntata sarà dedicata alla vita dei minatori impegnati quotidianamente nel duro lavoro dell’estrazione.

La programmazione riguarderà poi la Majella Bianca con storie di montagna e scalpellini, la Valle Giumentina con il racconto evolutivo della valle e dei primi insediamenti paleolitici, senza trascurare tutti gli aspetti legati al fenomeno del brigantaggio. La pubblicazione dei video è arricchita dalla presenza di note tecniche per chiunque volesse approfondire le tematiche affrontate. Ed in una prospettiva di sviluppo geoturistico della zona, «non appena sarà possibile rispetto alle limitazioni imposte dall’emergenza Covid, organizzeremo pure delle escursioni a tema – dichiara la geologa De Luca, impegnata anche nell’allestimento di uno geospettacolo teatrale sulle materie dei suoi studi –. Le miniere non sono agibili e non si può entrare quindi, ma alcune sono lambite da sentieri del Parco nazionale della Majella percorrendo i quali mostrerò gli ingressi ed i rosticci facendo anche dimostrazioni di estrazione del bitume».

Cliccare QUI per vedere la prima puntata.

Info alla pagina fb Geostories.

(I.M. - 04/06/2020)