Salta al contenuto principale
x
Murales sulla transumanza a Tufo di Carsoli

A summer break abroad Italy.. in viaggio verso il borgo dipinto di Tufo

0
0

Riqualificare un Borgo non significa soltanto dargli effimera freschezza. Ma pensarlo di nuovo, da capo... (Progetto Intonaci)

L'antico borgo di Tufo che deve probabilmente il suo nome al tipo di terreno che caratterizza tutta l'area, venne unito al Comune di Carsoli solo nel 1806. Circondato da un paesaggio ricco di bellezza, quasi selvaggio, è oggi un museo a cielo aperto grazie alla passione della sua gente, agli Artisti della Valle del Cavaliere, alla Proloco di Tufo e al Comune di Carsoli che hanno restituito  battiti al cuore di un luogo magico con il progetto "Intonaci".

 

Dal 2015 mosaici, murales, maioliche adornano vicoli, scorci e luoghi della memoria collettiva rendendo il piccolo centro un luogo di bellezza che attira sempre più artisti e visitatori, tanto che, negli ultimi anni, sono state aperti nuovi esercizi commerciali per la ristorazione e l'accoglienza.

Il successo dell'iniziativa è stato crescente. Dall'arrivo dei primi studenti delle Accademie delle Belle Arti italiane per creare le prime installazioni sulle mura del piccolo borgo al bando A summer break abroad Italy emesso nel 2020 dalla State University of New York per giovani studenti universitari che avuto per oggetto una residenza artistica e di studio di una settimana a Tufo dove hanno appreso la storia, le usanze e le tradizioni dei luoghi partecipando anche ad escursioni nella splendida natura circostante come le Grotte di Pietrasecca e Val de’ Varri. Agli studenti sono state raccontate le storie di "quella" stradina, di "quello" scorcio che sarebbero stati oggetto della loro arte e dell'ispirazione e che avrebbero guidato la creazione dell'opera.

A summer break abroad Italy

Tra i mille colori che accolgono i visitatori, diverse le opere dedicate ad Alberto Manzi, il "Maestro" per eccellenza che, dal piccolo schermo, quasi un precursore della novella "didattica a distanza",  insegnò, con la seguitissima trasmissione "Non è mai troppo tardi" , andata in onda dal 1960 al 1968, a leggere e a scrivere ad oltre un milione di persone e che soggiornava in questi luoghi in estate e nei week-end per trascorrere giornate spensierate nella casa natia di sua madre, Rina Mazzei.  Diversi gli artisti che hanno partecipato alla realizzazione di Grogh e il castagno, uno splendido mosaico multimaterico costruito su un grande tronco di castagno, ispirato al primo racconto di Manzi Grogh, storia di un castoro, nato tra le mura di un carcere minorile, tradotto in più di venti lingue con il quale il Maestro vinse il Premio Collodi nel 1950, e alle illustrazioni del libro “Storie senza tempo.

alberto manzi tufo

L'esperienza di Tufo di Carsoli si aggiunge a quelle di Azzinano di Tossicia, Tornareccio, Aielli, Casoli di Atri, Treglio (Ch), Cepagatti, "musei a cielo aperto”, potenti attrattori turistici per l'Abruzzo dei borghi, strategici dal punto di vista identitario ed eredità culturale per le generazioni future.

Leggi anche:

Tra migliaia di colori: un'esperienza immersiva nell'Abruzzo dei borghi dipinti

L. Toppeta 25-02-2022

immagine: Murales sulla transumanza a Tufo di Carsoli di Marica Massaro, CC BY-SA 4.0 <

42.1003467, 13.0894267